Thohir: “Inter? Periodo di transizione, dobbiamo essere furbi”

Articolo di
30 luglio 2017, 13:32
Thohir

Il presidente dell’Inter Erick Thohir ha concesso un’intervista ai singaporiani dello Straits Times durante la quale si è nuovamente soffermato sulle differenze col Milan e ricordato che debba ancora rispettare il Fair Play Finanziario.

BUDGET TRIPLICATO – «Se vi ricordate, quando arrivai all’Inter nel 2013 firmammo subito un accordo con la UEFA riguardo il Fair Play Finanziario. Quest’anno dobbiamo mantenere l’equilibrio tra acquisti e cessioni, è un periodo di transizione. Il Milan ha una strategia differente, loro hanno dei nuovi investitori e stanno acquistando così tanti giocatori perché non credevano nella loro rosa. Anche io ho fatto lo stessa cosa quando sono arrivato? Quando ho cambiato io non l’ho fatto perché non credevo nei miei giocatori ma perché molti di loro stavano invecchiando: Zanetti, Cambiasso, Samuel, Chivu… per questo abbiamo acquistato gente come D’Ambrosio, Medel, Perisic o Kondogbia. L’Inter ha almeno 105 milioni di tifosi in Cina, tutti guardano a questo paese come il nuovo grande mercato ed è per questo che dopo tre anni di Inter ho deciso di che sarebbe stato l’ideale avere dei soci cinesi. Grazie al gruppo Suning il nostro budget è triplicato, hanno portato qui Joao Mario, Candreva, Gabigol e Gagliardini ma dobbiamo essere furbi quando trattiamo perché spendere tanto non ti garantisce la vittoria dello Scudetto».