Telles: “Lavoro per restare a Milano. Il mio idolo…”

Articolo di
19 novembre 2015, 21:20
Telles

Alex Telles nella serata di oggi è stato ospite di Inter Nos, format in onda ogni settimana su Inter Channel. Il terzino nerazzurro ha parlato del suo arrivo in nerazzurro e della sua percezione dell’Inter. Di seguito le dichiarazioni dell’ex calciatore del Galatasaray

L’ARRIVO ALL’INTER«All’Inter mi trovo benissimo. E’ una grande squadra con tanti giocatori internazionali. In settimana ci alleniamo con grandi giocatori. Milano è una grande città e io e la mia famiglia ci troviamo benissimo: se farò un grande lavoro resterò a lungo qui a Milano. Ho fatto bene, ma devo fare sempre di più perché c’è grande concorrenza. Se il mister decide che tocca a me devo fare bene, se non toccherà a me dovrò fare ancora meglio».

SCELTA NERAZZURRA«Perché ho scelto l’Inter? E’ una grande squadra, ha vinto tutto! Sono felice di essere qui, c’è una grande storia qui. Grandi giocatori hanno giocato qui, come Zanetti o anche tanti brasiliani. Non ci ho pensato due volte. Conoscevo anche Mancini, è un grandissimo allenatore, ha tutto il mio rispetto, sono molto felice di essere qui. Mi trovo benissimo all’Inter».

LA PERCEZIONE DELLA SERIE A«Questo campionato è molto difficile, ci sono tante squadre forti. In Brasile il terzino gioca più avanti, in maniera più offensiva. Io con Mancini ho lavorato già al Galatasaray, ma lui ha cambiato tutte le mie convinzioni sul ruolo, perché bisogna essere più difensivi. Ho dovuto cambiare molto il mio modo di interpretare la posizione. Sono arrivato al Galatasaray perché avevo fatto molto bene in Brasile. Quando sono arrivato qui all’Inter già sapevo cosa avrei trovato perché conoscevo Mancini».

IDOLI E MODELLI«Mi piace Marcelo del Real Madrid. E’ un terzino completo, difende bene ma sa anche attaccare. Maxwell? Lui è un grandissimo giocatore, ha fatto bene all’Inter. Io sono un po’ diverso, lui è più difensivo, io gioco in maniera più offensiva. Se dovessi ripetere quello che ha fatto lui qui per me andrebbe benissimo».