SM: “Azioni di Thohir lecite. L’Inter investirà”

Articolo di
28 maggio 2015, 14:11
Thohir Zanetti

Ha scatenato un vero uragano l’articolo apparso ieri sul Corriere della Sera, dove si sottolineavano azioni poco chiare da parte di Erick Thohir. Pochi minuti fa, durante Sport Mediaset, Alessio Conti ha dedicato un servizio per spiegare la situazione in casa Inter.

CHIARIMENTI – “15 Novembre 2013: la data in cui si presenta Erick Thohir come uomo nuovo dell’Inter. Moratti passa la mano, tiene il 30%, si affida a lui per costruire un’Inter più competitiva. I progetti sono ambiziosi, la volontà è quella di ripianare i debiti  aumentando i ricavi, aprendosi a nuovi mercato come quello Indonesiano. Un impegno quanto meno triennale, quindi fino al 16 Novembre 2016, come indicato nei documenti di acquisto della società. Una data che si avvicina rapidamente senza, però, che i risultati sportivi abbiano dato un supporto finanziario alle casse nerazzurre. Un intoppo non da poco che ha costretto Thohir a dilazionare i debiti attraverso la concessione di un prestito alla sua creatura. In pratica, più di un ripianamento del debito, il magnate indonesiano ha prestato i soldi all’Inter attraverso una rete di società da lui controllate sparse per mezzo mondo. Tutto lecito, nessuna infrazione legale e nessuna volontà di non investire sul mercato“.

VOGLIA DI TORNARE – “Nel mercato Thohir cercherà di accontentare Roberto Mancini, nonostante lo stop su Yaya Touré. Il perché è chiaro: ottenere risultati significa poter contare su maggiori ricavi, sull’aumento dell’appeal del brand  Inter senza sprechi ma con acquisti oculati. In pratica investire per crescere. Ma a quale prezzo? A quale tasso di interesse? Ma questo è quello che meno importa a chi sul campo deve tornare a guidare un’Inter ancora vincente