Ranocchia: “Il derby bisogna vincerlo. Anche in amichevole”

Articolo di
25 luglio 2015, 08:24
Ranocchia

Andrea Ranocchia è stato intervistato da Luca Taidelli sulla “Gazzetta dello Sport” in edicola oggi. Una lunga chiacchierata con il capitano nerazzurro che non sta certo vivendo un momento magico dal punto di vista professionale. Si è parlato soprattutto di derby e di stimoli per la nuova stagione oltre che dei nuovi compagni di reparto

MURILLO – «Mi sta facendo un’ottima impressione. E’ forte e tosto, si è ridotto le vacanze dopo la Copa America. Il suo ambientamento procede in maniera rapida e contro il Bayern ha esordito alla grande. Ha mostrato carisma e personalità affrontando un tipo come Lewandowski».

MIRANDA – «Si tratta di un altro ottimo acquisto. Ognuno dovrà lottare per aver la maglia da titolare. Nelle grandi squadre funziona in questo modo», prosegue Ranocchia.

DERBY IN ORIENTE – «Sono l’unico superstite dell’Inter che nel 2011 ha affrontato il Milan a Pechino nella gara di Supercoppa italian. Da allora, per entrambi, è cambiato tanto. Fa impressione vedere le milanesi fuori dall’Europa ma il calcio è fatto di cicli ed entrambi i club stanno lavorando bene. Il derby con il Milan è sempre derby anche in amichevole. Battere il Milan da’ sempre una soddisfazione particolare», sostiene Ranocchia.

OBIETTIVO – «Gli obiettivi vanno programmati dentro lo spogliatoio senza proclami all’esterno. Se vuoi vincere devi convivere con la pressione. Mancini è molto carico perchè poter scegliere gli uomini in base alle esigenze, fare la preparazione e il lavoro tattico dall’inizio farà la differenza», conclude Ranocchia.