Pioli a Sky: “Dobbiamo far viaggiare la palla più velocemente”

Articolo di
21 dicembre 2016, 23:24
Pioli

Stefano Pioli è stato intervistato da Sky Sport dopo la vittoria per 3-0 dell’Inter sulla Lazio grazie a Ever Banega e alla doppietta di Mauro Icardi. In attesa delle sfide di domani i nerazzurri si portano momentaneamente a 4 punti dal terzo posto.

«Dobbiamo partecipare con più giocatori alla fase offensiva se vogliamo essere imprevedibili: nel primo tempo ci siamo riusciti meno, nel secondo tempo lo abbiamo fatto con più convinzione e coraggio dopo esserci sbloccati portando tanti giocatori in zona palla. Sicuramente è una buona crescita, credo che questo sia abbastanza evidente sopratutto nello spirito e nell’anima e questa credo sia la base sulla quale lavorare meglio. Anche stasera abbiamo commesso degli errori, anche stasera abbiamo sviluppato della azioni che potevano essere più lucide e più attente però la squadra ci sta mettendo tanta voglia e convinzione e tanta passione e credo che questo sia veramente importante. Era la prova del nove perché la Lazio aveva perso solamente contro le tre squadre che sono sopra e quindi serviva una grande prestazione. Abbiamo sofferto ma abbiamo stretto i denti vincendo meritatamente e giocando anche bene. Icardi? Devo dire che non lo conoscevo di persona e ho conosciuto un bellissimo ragazzo, disponibile, attento, voglioso, un esempio per come lavora. Sta facendo un lavoro incredibile per la squadra aiutando il trequartista a lavorare sui difensori e sul vertice basso e quindi non posso che essere soddisfatto delle sue prestazioni ma anche dei suoi comportamenti e atteggiamenti e quindi credo che sia molto molto importante per noi. Centrocampisti tardano a dare la palla agli attaccanti? Sono d’accordo, la palla deve viaggiare più velocemente e dobbiamo abituarci a guardare in avanti. I passaggi laterali non servono e dobbiamo leggere meglio gli avversari. La velocità della palla e la decisione devono essere uno dei nostri obiettivi sui quali lavorare e migliorare. Se facciamo arrivare la palla più velocemente ai giocatori di qualità in avanti poi abbiamo più possibilità di far male ai nostri avversari. La squadra gioca più unita? E’ quello che sento e da qui dobbiamo partire per costruire qualcosa di fatto veramente bene perché la squadra ha dei valori tecnici e fisici ma io ho scoperto anche dei valori morali: questa è una squadra che lavora, che ha amor proprio e vuole dimostrare di meritare certe posizioni ma deve pensare e lavorare da squadra e ci stiamo riuscendo sapendo che dobbiamo anche migliorare in tante cose se vogliamo rimontare. Dove si può migliorare? Se all’inizio abbiamo preso qualche contropiede adesso stiamo subendo un po’ troppo quando la squadra è piazzata e per la squadra che siamo e i giocatori che abbiamo dobbiamo rischiare meno. Con il lavoro, la conoscenza e l’applicazione possiamo migliorare, credo che la squadra abbia ampi margini di miglioramento e questa positività ci può aiutare. Banega e Kondogbia? A me son piaciuti, ero sereno nel scegliere perché ho visto in loro la voglia di aiutare la squadra, sono giocatori di qualità e che devono trovare la completa fiducia e mi auguro che questa prestazione aiuti loro a convincersi di avere i mezzi e di poter giocare in questa squadra».