Pioli a PS: “Inter di carattere! Melo? Ci vuole lucidità! Icardi…”

Articolo di
18 dicembre 2016, 14:55
Stefano Pioli

Stefano Pioli ha commentato ai microfoni di “Premium Sport” la vittoria dell’Inter sul campo del Sassuolo: il tecnico nerazzurro è soddisfatto della prestazione della sua squadra, che per la seconda partita consecutiva ha lasciato inviolata la porta di Samir Handanovic. Di seguito le sue dichiarazioni

OTTIME BASI – «Scalata terzo posto? Dobbiamo correre forte, per noi sono sempre partite della svolta. Era troppo tempo che non vincevamo fuori casa, ma abbiamo vinto con grinta e sofferto con lucidità. Peccato non aver chiuso la partita un po’ prima, visto che potevamo fare il secondo gol. Calo preoccupante? Non credo, abbiamo tenuto bene il campo e l’avversario ha provato sempre a recuperare, però abbiamo gestito bene una partita difficile e sofferta contro un avversario che ci ha dato filo da torcere. Ho visto grande spirito e sacrificio da parte nostra. Stiamo lavorando per migliorare tante situazioni, dopo aver segnato il primo gol dovevamo muoverci di più però è altrettanto vero che ci sono gli avversari che a volte ti costringono ad abbassare il ritmo. Ho visto comunque le basi per costruire qualcosa di più positivoMiglior Inter della mia gestione? Posso dire che la più bella partita della mia Inter è stata quella con il Milan, dove abbiamo giocato da quadra fino all’ultimo minuto. Oggi abbiamo fatto ottime cose ed è giusto sottolinearle: abbiamo concluso tante volte, abbiamo avuto tante occasioni. Impensabile vincere senza far tirare in porta l’avversario, ma sono due partite che non subiamo gol e dobbiamo insistere».

AVVERSARIO DIFFICILE – «Adesso abbiamo una partita importante contro un avversario difficile che ci sta davanti in classifica. Icardi? Sicuramente dobbiamo dare più supporto al nostro centravanti, che ha lavorato tanto per la squadra e si è mosso bene. Dobbiamo essere più efficaci in avanti e non possiamo contare solo su Icardi. Gabigol? Stiamo lavorando per cercare di migliorare tutti insieme, ha qualità e talento e ha avuto tempo per conoscere il calcio italiano. Adesso sta cercando di emergere insieme a tutti gli altri. Felipe Melo poco affidabile a livello disciplinare? Oggi stava facendo un’ottima partita, credo onestamente che il secondo giallo non ci fosse e che purtroppo ha pagato un errore non suo. Può certamente rimanere ancora più lucido, è determinato e ha carattere ma deve imparare a dosare la sua aggressività nella direzione giusta».