Pioli a IC: “Potevamo gestire meglio il 2° tempo. Passo avanti”

Articolo di
28 gennaio 2017, 23:53
Stefano Pioli

Stefano Pioli è stato intervistato da Inter Channel dopo la vittoria per 3-0 sulla Lazio. Questo il suo commento sulla prestazione della squadra e sulla necessità di continuare a vincere per inseguire le prime tre posizioni della classifica di Serie A.

PRESTAZIONE CONVINCENTE«Soddisfatto perché credo che la squadra abbia giocato un ottimo primo tempo, con ritmi alti e intensità, contro un avversario che ci ha fatto lavorare tanto. Poi nel secondo tempo è chiaro che dovevamo gestire meglio, questo è un altro passo sul quale dobbiamo crescere ma era una partita che dovevamo vincere e ci siamo riusciti. Noi le prepariamo tutte così, dev’essere il nostro approccio soprattutto quando giochiamo in casa, ma anche fuori. A volte non ci siamo riusciti ma volevamo forzare subito la gara e far capire ai nostri avversari che la partita era nostra, quindi l’atteggiamento è stato giusto. Volevamo anche fare delle cose di buona qualità, adesso recuperiamo le energie perché ci aspetta un quarto di Coppa Italia difficilissimo e poi una partita che sanno tutti quanto possa valere».

METÀ DELL’OPERA«Sono passi in avanti importanti, siamo in una situazione dove rincorriamo avversari che hanno grande valore e continuano a vincere, se vogliamo arrivare nei primi tre posti che è il nostro obiettivo chiaramente dobbiamo continuare a spingere, credo facendo la corsa su noi stessi nel senso che dobbiamo continuare a vincere. Il quarto posto non è quello che vogliamo a fine anno, credo che l’Inter debba lavorare per crescere e per dare il meglio di se stessa per essere al 28 maggio nelle prime tre posizioni. Sappiamo che abbiamo rincorso tanto, stiamo facendo bene ma non abbiamo fatto ancora niente, tante saranno le partite da qui alla fine, ne abbiamo vinte tante soffrendo e sappiamo quanta voglia dobbiamo ancora avere da qui alla fine del campionato. È normale che da parte di tutti si diano grandi meriti a chi scende in campo e fa gol, ma in questo momento credo che il nostro segreto sia il lavoro che tutti stanno facendo ogni giorno, anche i giocatori che poi non vengono premiati dalle mie scelte. È col loro lavoro che stiamo trovando intensità, volontà e generosità, complimenti a loro però siamo solamente a metà percorso, ci manca ancora tanto».

Facebooktwittergoogle_plusmail