Non basta Joao Mario, l’Inter cade a San Siro

Articolo di
16 ottobre 2016, 16:53
João Mário Pescara-Inter

Si è appena conclusa al Giuseppe Meazza la sfida tra Inter e Cagliari. I rossoblu conquistano i loro primi punti in trasferta rimontando i nerazzurri passati in vantaggio con Joao Mario

Doveva essere la partita del riscatto, la prima di un lungo ciclo, ma è andata malissimo: l’Inter infatti cade in casa contro il Cagliari, capace di imporsi con merito e in rimonta col punteggio di 2-1.
Dopo un primo tempo in cui si è visto lo sterile dominio interista, con unico brivido vero il rigore sbagliato da Mauro Icardi, nella ripresa si respira da subito un’aria diversa, il Cagliari sembra entrato in partita e al 52°, all’improvviso, il brivido: il Cagliari attacca, Handanovic si supera prima su Melchiorri e subito dopo su Sau ma non può fare nulla sul tap in di Pisacane che si infila in porta, ma l’arbitro annulla per fuorigioco. Sul ribaltamento di fronte però c’è il gol dell’Inter, ed è tutto merito di Joao Mario: il centrocampista portoghese avanza palla al piede e scarica su Perisic sulla sinistra, il quale rimette al centro per l’accorrente Joao Mario la cui conclusione viene in un primo momento respinta da Storari, ma la palla rimane lì e lo stesso Joao Mario può ribadire in rete. La partita però si è improvvisamente accesa e al 56° il Cagliari sfiora subito il pareggio ma Handanovic ancora si supera su un gran tiro di Di Gennaro. Nonostante il vantaggio, l’Inter sembra arretrare e concede più spazio a un Cagliari che nel primo tempo non aveva quasi mai passato la metà campo, ma al 67° c’è una buona occasione per chiudere la partita e capita sulla testa di Mauro Icardi, ma la sua incornata è di poco a lato. Il Cagliari però è vivo e al 70° pareggia, c’è una azione confusa nell’area nerazzurra e Melchiorri trova il tocco giusto per infilare la palla alle spalle di Handanovic. L’Inter sembra essere sulle gambe e rischia ancora all’80° con un colpo di testa di Federico Melchiorri che sfiora la doppietta mandando la sfera fuori di pochissimo. Ma l’inerzia della partita è a favore del Cagliari e all’85° arriva il clamoroso vantaggio, in area c’è confusione dopo un calcio d’angolo del Cagliari, Handanovic esce a vuoto e la palla arriva a Melchiorri che calcia in porta: il tiro non sembra irresistibile, ma Handanovic si trascina il pallone oltre la linea per il vantaggio del Cagliari. L’Inter in campo non c’è più e prima Borriello poi Isla sfiorano il gol del 3-1, ma Handanovic è attento. Nei quattro minuti di recupero c’è la debole reazione dell’Inter alla ricerca del pareggio, ma tutto è inutile e il ciclo di ottobre inizia come peggio non poteva iniziare.

Facebooktwittergoogle_plusmail
The following two tabs change content below.
Alessandro Cocco

Alessandro Cocco

Nato e cresciuto in Sardegna, vive attualmente a Roma dove studia storia moderna e contemporanea presso l'Università Sapienza. Tifa Inter fin da bambino, ma segue con attenzione anche il calcio estero dove le sue squadre "simpatia" sono Liverpool, Atletico Madrid ed Hercules Alicante (per l'unico motivo che ad Alicante ci ha vissuto un anno durante il suo erasmus). Scrive anche su bundesligapremier.it