Mancini stravolge l’Inter? Il nuovo ruolo di Juan Jesus…

Articolo di
31 dicembre 2014, 11:00
Juan jesus

Ieri sera contro il Paris Saint-Germain, il tecnico nerazzurro Mancini ha provato Juan Jesus in un inedito ruolo di terzino sinistro. Un ruolo non nuovo per il difensore brasiliano, che ha già giocato in tutti i ruoli sul centro-sinistra. Mancini, però, ha in mente un nuovo futuro per lui.

JUAN JESUS TERZINO SINISTRO – Roberto Mancini è stato chiaro, nel post-partita, spiegando i motivi per cui ha scelto Juan Jesus nel ruolo di terzino sinistro: si è trattato di un esperimento per vedere se in futuro potrà giocare in questo ruolo. Il futuro, però, è già arrivato: l’Inter, durante il mercato di gennaio, potrebbe rinforzarsi con un nuovo centrale da affiancare a Ranocchia (il sacrificato sarebbe Vidic), ma anche con un terzino destro di spinta (a partire sarebbe Jonathan). Il tecnico jesino, molto probabilmente, non è soddisfatto dell’inizio di stagione della coppia di centrali formata da Ranocchia e Juan Jesus, visti i continui errori dovuti alla disattenzione dei due, spesso dannosi. Pertanto, potrebbe decidere di cambiarla, anche se sembra azzardato puntare su Andreolli, rinunciando all’esperienza di Vidic.

DODO’ E NAGATOMO? – Con il brasiliano sulla fascia, la difesa a quattro dell’Inter sarebbe già al completo, quindi non ci sarebbe spazio per un esterno basso mancino. Anche per questo è sfumato l’obiettivo Layun, finito al Granada di Pozzo. Fino alla sosta invernale, sulla sinistra hanno agito in due: Dodò in primo luogo, ma anche Nagatomo. Per quanto riguarda Dodò, non si tratterebbe di una bocciatura totale: Mancini ha intenzione di provare il brasiliano sulla trequarti, magari tenendolo come alternativa offensiva sulla fascia sinistra, qualora il mercato di riparazione non fosse soddisfacente. L’Inter ha fatto un investimento a lungo termine con la Roma e finirà di pagare il cartellino di Dodò tra qualche anno, non può farlo svalutare tenendolo in tribuna o cedendolo in saldo. Quanto, invece, a Yuto Nagatomo, i problemi sono minori: a gennaio sarà impegnato in Coppa d’Asia con il suo Giappone e quando rientrerà potrà tranquillamente fungere da “tappabuchi” dove serve. Il giapponese, oltre a giocare da terzino sulla fascia sinistra, può farlo tranquillamente anche su quella destra, così come può agire qualche metro più avanti sulla linea dei centrocampisti o dei trequartisti. Alla fine, deve solo imparare a gestire meglio i suoi cross, perché un esterno che non riesce a fornire cross pericolosi perde gran parte del suo potenziale.

Facebooktwittergoogle_plusmail