Mancini: “Sensi mi è piaciuto molto, domani Jovetic e Icardi…”

Articolo di
21 novembre 2015, 15:24
mancini-conferenza

Giornata di conferenza stampa per Mancini, che ha risposto alle domande dei giornalisti in vista del match di domani sera contro il Frosinone. Il mercato tema importante, spazio poi anche alle situazioni relative a Jovetic e ad Icardi.

Domani una partita del genere in cui lo scorso anno avete avuto difficoltà.

Il Frosinone sta facendo un ottimo campionato, ha imposto il pari in casa della Juventus e contro la Lazio era 0-0 all’80’. Magari gioca meglio in casa che fuori, ma dovremo comunque fare molta attenzione.

Cosa non ha funzionato con Jovetic e Icardi?

Devono giocare insieme e questo è anche colpa mia, sicuramente devono cercarsi di più ma hanno margini di miglioramento enormi.

Hai cambiato molto finora, l’hai fatto per tenere tutti pronti o perché non hai trovato la formula migliore?

Se il cambiare ci permette di vincere sempre allora lo farò ancora. Poi ci sono varie motivazioni diverse, ad esempio sono rientrati gli ultimi giocatori solo poche ore fa e bisogna tenerne conto. L’unico a non giocare è stato Montoya.

Stellone ha dato la formazione titolare, vuoi farlo anche tu?

Per me è più difficile, visto che ci sono più dubbi: al massimo posso darvene quattro. Di sicuro giocheranno: Handanovic, Kondogbia, Nagatomo e Felipe Melo.

Un pensiero sulle stragi di Parigi.

I pazzi ci sono ovunque, tra i cattolici e i musulmani: tutti quelli che ho conosciuto erano brave persone, è un qualcosa di incredibile, dato che magari dopo una giornata di lavoro una persona vuole rilassarsi uscendo con gli amici e si trova in situazioni come queste.

Se si vince domani si entra ufficialmente in lotta per lo Scudetto?

Dobbiamo pensare a far bene, speriamo di avere uno stadio abbastanza pieno perchè i tifosi finora ci hanno sempre aiutato. Soltanto dopo penseremo al Napoli.

Ti piace il clima che c’è attorno alla squadra?

Dobbiamo riuscire a migliorare alcuni aspetti tecnico-tattici, dobbiamo convincere noi stessi più che gli altri. Se poi alla venticinquesima giornata siamo ancora in testa allora è logico che saremo tra le candidate a vincere.

Cosa manca ancora?

Bisogna fare più reti, poi per il resto la squadra è solida e tutti fanno il loro dovere. Ci sono due o tre aspetti che, se migliorati, ci permetteranno di stare in alto fino alla fine.

Cosa verresti rivedere delle ultime due partite disputate?

Sono state due gare difficili, vorrei rivedere la solidità della squadra ma non il fatto che siamo arretrati troppo lasciando molto spazio agli avversari.

Il mercato potrà migliorare la rosa?

Leggo che stiamo comprando tutti, mi fa piacere. Chiunque arriverà deve essere funzionale alla squadra, ma credo che questa sia una cosa che si sappia già.

Cambiare a gennaio rischia di modificare gli equilibri?

Questo rischio c’è, perché se si gioca sempre con gli stessi giocatori si formano degli equilibri precisi. Sarebbe ottimo un calciatore che già conosce la Serie A, poi se arrivasse Messi o Ronaldo non ci sarebbero problemi.

Che ne pensi di Sensi?

L’ho visto giocare e mi è piaciuto molto, poi bisogna dire che ha giocato finora sette od otto partite di Serie B e che quindi deve ancora dimostrare tanto.

Tutti questi 1-0 possono essere decisivi?

Finchè si vince sì, ricordo l’Atletico Madrid di qualche tempo fa che non segnava molto ma era solidissimo e molte gare le vinceva con questo risultato.

Con Jovetic ed Icardi insieme si rischia di perdere la solidità?

No, anche contro la Juventus erano entrambi in campo e la squadra era abbastanza solida. Devono giocare di più insieme, ripeto, l’importante è che segnino molte più reti. Non so se domani scenderanno in campo insieme.

Preferisci un pari per Juventus-Milan?

Non ho preferenze, dobbiamo pensare solo a noi stessi e a vincere.

Biabiany potrà essere titolare?

Sta molto bene, ci sarà molto utile da qui in avanti e credo che lo abbia già dimostrato in precedenza.

Ranocchia e Vidic andranno via a gennaio?

Spero di no, la mia volontà sarebbe quella di rimanere così, la squadra è ottima e non posso lamentarmi.

Tra i giocatori che sta seguendo l’Inter, quale le sembra più pronto?

Sensi e Grujic hanno diverse caratteristiche e sono entrambi bravi, ma ce ne possono essere anche altri visto che Ausilio è sempre in giro e quindi magari sta portando avanti altre trattative. Non credo però che possano cambiare in meglio il nostro centrocampo ora.

Vlasic?

Abbiamo già Ljajic che è benissimo in grado di giocare tra le linee.

Il calcio è un metodo per colpire la civiltà da parte dei terroristi?

Oltre allo stadio sono stati colpiti anche altri luoghi, il mio sogno è quello di vedere un mondo in cui a regnare sia la pace.