Mancini: “Devo farmi capire in fretta dalla squadra”

Articolo di
25 dicembre 2014, 13:33
Mancini

Lunga e interessante intervista quella concessa da Roberto Mancini al direttore di Inter Channel Roberto Scarpini; una chiacchierata nella quale il tecnico ha parlato del suo ritorno sulla panchina nerazzurra sostenendo che il suo obiettivo sia quello di far capire le sue idee alla squadra nel minor tempo possibile: “Mi ha fatto molto piacere arrivare qui e sentire l’affetto dei tifosi. Adesso sta a me cercare di farmi capire in fretta dalla squadra, in modo da avere delle soddisfazioni. Ci sarà da lavorare, ma siamo sulla buona strada”.

TERZO POSTO – “Bisogna innanzitutto crederci, altrimenti è inutile. Sarà difficile, ma bisogna sempre avere fiducia nelle proprie potenzialità. Toccherà a noi provarci, con il campionato o con l’Europa League”.

LA SUA PRIMA AVVENTURA ALL’INTER – Ovviamente non potevano mancare delle domande per quanto riguarda la sua prima avventura sulla panchina nerazzurra tra il 2004 e il 2008: “Ricordo ancora la prima coppa Italia vinta contro la Roma. In quegli anni la sfida con i giallorossi è diventata una grande classica del calcio italiano. Poi abbiamo vinto la Supercoppa in casa della Juventus e da quel momento la squadra è cresciuta esponenzialmente. Riuscire a vincere qualcosa ogni anno è fondamentale per costruire una mentalità importante. Avevamo giocatori bravi e di carattere. Lo scudetto vinto a Parma è stato sicuramente più emozionante di altri, perchè abbiamo vinto all’ultima giornata, ma tutte le vittorie sono state belle”.

IL GIOCATORE PIU’ RAPPRESENTATIVO – E quando gli è stato chiesto di indicare il giocatore più rappresentativo di quel quadriennio, il nome non poteva non essere ovviamente quello del capitano Javier Zanetti“Sarei in difficoltà nel fare un nome, ne potrei dire tanti. Senza mancare di rispetto a tutti gli altri, posso nominare Javier perchè ha fatto la storia dell’Inter, vincendo tutto. Con me ha giocato in diversi ruoli, facendo sempre bene, da terzino o da centrocampista”.