Mancini, Champions e FPF: via alla fase due dell’era Thohir

Articolo di
16 novembre 2015, 12:08
Thohir

Il 15 novembre 2013 Erick Thohir diventava ufficialmente il nuovo presidente dell’Inter. Oggi, secondo quanto riportato da “Tuttosport”, è iniziata la seconda fase dell’era Thohir. Ecco i tre argomenti princi

EUROPA – “Consolidata la sua posizione e plasmata la dirigenza a suo immagine e somiglianza, adesso Thohir punta in grande. Il primo posto in classifica fa piacere, ma conterà essere lì a maggio. Tornare in Europa, in quella che conta, è fondamentale per i piani nerazzurri, sia per sviluppare ulteriormente il proprio brand in campo internazionale, ma soprattutto per questioni di bilancio”.

MANCINI – “Nell’ultimo anno Thohir ha seguito le indicazioni di Mancini, attuando una vera rivoluzione nella rosa della squadra. Al di là di qualche eccezione, sono arrivati principalmente giocatori di spessore, pronti all’uso, elementi con una forte esperienza internazionale. Sono arrivati anche dei giovani, ma già affermati come Kondogbia o Brozovic, tant’è che il club ha dovuto investire molto per strapparli alla concorrenza. Per questo, per il futuro, l’Inter osserva i migliori talenti del calcio europeo (su tutti Pjaca e Grujic)”.

FPF – “Se sarà Champions (ma anche Europa League), l’Inter dovrà cercare di ridurre il rosso a 30 milioni, altrimenti dovrà pagare una multa. Con la partecipazione alla coppa più importante, l’Inter ritornerebbe ad avere una vetrina fondamentale per attirare sponsor e investitori da ogni angolo del pianeta e potrebbe contare su una quarantina di milioni che sarebbero garantita dalla sola partecipazione ai gironi eliminatori. Il tutto senza dimenticare i possibili nuovi introiti che potrebbero arrivare dal main sponsor dalla stagione ’16-17: l’accordo con Pirelli è in scadenza, le parti stanno trattando e se il rinnovo arriverà su termini differenti (Pirelli potrebbe restare come sponsor minore), si cercherà un nuovo partner”.