Mancini a MP: “Giocato per vincere, non sono arrabbiato”

Articolo di
3 maggio 2015, 17:36
Mancini

La sua Inter ha divorato un’ottima occasione per rilanciarsi in chiave europea facendosi imporre il pareggio casalingo dal Chievo Verona. Il tecnico nerazzurro è rammaricato per la mancata vittoria, ma è convinto che la squadra abbia fatto tutto quello che doveva fare.

Roberto Mancini aveva definito “fondamentale” la partita di oggi col Chievo Verona, ma la risposta della squadra non è arrivata. I nerazzurri si sono fatti imporre un pareggio a reti inviolate e il tecnico nerazzurro si è presentato ai microfoni di Mediaset Premium dove è apparso deluso, ma non arrabbiato, convinto che la squadra abbia comunque giocato una buona partita: “Sono dispiaciuto per non aver vinto, ma non sono arrabbiato. Noi abbiamo fatto tutto quello che dovevamo fare, ma siamo stati lenti nel far girare la palla e non abbiamo trovato gol contro una squadra molto compatta e se non sblocchi non vinci. Abbiamo fatto 24 tiri e soltanto 4 in porta, siamo stati imprecisi: queste sono le partite che magari se metti il gol subito ne fai quattro, non ci siamo riusciti, a volte capita: dobbiamo migliorare molto, l’anno prossimo capiterà spesso di trovare squadre che giocano con 10 giocatori in 30 metri e se non sei veloce si trovano delle difficoltà”.

LA SQUADRA LO CONVINCE- Davanti alle critiche di chi parla di una prestazione negativa, Roberto Mancini ha voluto difendere la squadra negando che la partita di oggi sia stata negativa: “Non è vero che è stata una prestazione poco convincente, quando non siamo convincenti sono il primo a dirlo come nel finale di Udine o contro il Parma, ma oggi no, oggi non si può dire che la squadra non abbia giocato per vincere, poi capisco che i tifosi siano dispiaciuti per non aver vinto in casa col Chievo”.

TANTI CAMBI DI MODULO- Non è bastato oggi all’Inter e al suo tecnico cambiare assetto tattico tante volte, nonostante i diversi cambi di modulo il fortino del Chievo non è comunque caduto. Roberto Mancini ammette di aver fallito il tentativo, anche grazie alla strenua difesa del Chievo: “Il nostro modulo è questo, ma quando non riesci a fare gol bisogna cambiare, solo che oggi come lo abbiamo fatto ci siamo trovati in difficoltà. Con la Roma era andata bene perché la Roma concedeva spazio, oggi il Chievo è rimasto sempre in difesa”.

ICARDI ASSOLTO- E’ forse mancato il gol di Mauro Icardi, poco visibile oggi se non per una bella rovesciata fuori di poco. L’attaccante argentino è stato però “assolto” dal suo tecnico: “Purtroppo Icardi non ha fatto una grande partita, può capitare. Non ha trovato grandi spazi e i giocatori che dovevano aiutare a crearli non l’hanno fatto benissimo”.

LE SCELTE- Infine Mancini ha giustificato le scelte come l’esclusione di Kovacic e Shaqiri dall’undici titolare: “Pensavo che Brozovic dall’inizio potesse darmi qualcosa di più, Shaqiri in panchina perché in questo momento Hernanes è in forma e merita di giocare”.