LIVE – Sassuolo-Inter: la conferenza stampa di Stefano Pioli

Articolo di
16 dicembre 2016, 14:20
pioli-conferenza-stampa-2016

Premi F5 per aggiornare il contenuto della diretta testuale della conferenza stampa di Stefano Pioli in vista dell’anticipo domenicale dell’ora di pranzo che vedrà l’Inter affrontare il Sassuolo; l’inizio è previsto per le 14.30, seguila LIVE su Inter-News.it

C’è più fiducia dopo la vittoria col Genoa?

«Tutte le vittorie portano, fiducia, consapevolezza nei propri mezzi e autostima però adesso conta solamente quello che riusciremo a fare domenica: abbiamo l’opportunità di fare tre punti e credo che sarà una domenica molto importante per il nostro cammino. Non vinciamo in trasferta da tanto? I grandi numeri sono fatti per essere smentiti, abbiamo l’occasione giusta».

Che difficoltà sta trovando Banega?

«Banega è un ottimo giocatore, tecnico e di qualità. Un professionista serio che si è messo a disposizione come tutti, stiamo cercando di trovare le soluzioni migliori domenica per domenica».

Joao Mario meglio da trequartista?

«Io credo che in questo momento Joao Mario sia un centrocampista importante nella fase offensiva perché sa strappare al momento giusto, sa servire anche i compagni e inserirsi dentro l’area anche se credo debba realizzare qualche gol in più. Credo che in questo momento sia meglio sfruttarlo per le sue caratteristiche offensive».

Approccio diverso in trasferta?

«A Napoli abbiamo sbagliato l’approccio pagandola a caro prezzo, col Be’er Sheva approccio ottimo all’inizio ma abbiamo fatto l’errore di pensare che la partita fosse finita al 45′. Noi dobbiamo giocare con i nostri concetti in casa e fuori, le avversarie giocano in 11 come noi e i campi hanno le stesse misure. Con tutto il rispetto per i tifosi del Sassuolo avremo tanti tifosi anche noi, siamo l’Inter dobbiamo giocare per vincere e mettere in campo una prestazione convincente con molto rispetto. Il Sassuolo ci creerà difficoltà perché è un avversario difficile da superare, gioca insieme da tanto tempo ha un ottimo allenatore ed è molto organizzato».

Quanto è importante vincere le prossime due?

«Io ho parlato con i giocatori perché credo che sia importante la partita di domenica col Sassuolo, poi penseremo alla prossima. Non abbiamo mai vinto tre partite consecutive in questa stagione e vogliamo dare il meglio».

Dove l’Inter può migliorare?

«Credo ci siano tante situazioni da migliorare dalla velocità della palla ai movimenti senza palla, alla compattezza che possiamo avere quando gli avversari sono in possesso di palla. Gli aspetti positivi del mio lavoro sono tanti ma sopratutto la voglia dei giocatori di mettersi a disposizione e dare il massimo per riprendere certe posizioni cercando di vincere sempre. L’unico obiettivo di questo momento è trovare continuità per recuperare in campionato».

Melo fondamentale in questo momento?

«E’ un giocatore con determinate caratteristiche: fisiche, di temperamento e di posizione e che può dare il suo contributo alla squadra».

Come sta?

«Credo che stia bene: è in un buon momento sia fisico che psicologico».

Medel difensore o centrocampista?

«Sia importante recuperare Gary, credo sia un giocatore importante e il fatto che possa giocare in due ruoli credo che sia solamente un vantaggio. Col Milan stava facendo bene. Mi piace utilizzare più sistemi di gioco, mi piace avere giocatori duttili, può essere solo una risorsa per quelle che sono le mie idee. Sul mercato faremo le nostre valutazioni e cercheremo di migliorare alcune situazioni».

Partita con la Lazio sarà importante per te?

«Io sono un ex anche del Sassuolo, io sono concentrato su quello. Abbiamo fatto un’ottima settimana, dobbiamo insistere così e dare il massimo domenica».

Difesa a tre confermata?

«Secondo me vi state fossilizzando un po’ troppo su difesa a tre o a quattro. Dipenderà dagli avversari se D’Ambrosio, che è il nostro terzino destro, starà più stretto o più largo. Non credo che sia la soluzione delle nostre difficoltà o la soluzione che potrà migliorare la nostra difesa. La squadra deve lavorare tutta insieme ed essere più attenda, organizzata e determinata. Non è un problema la posizione di D’Ambrosio ma prendere quelle posizioni di campo dove stanno gli avversari perché la palla da sola non fa gol. A secondo di dove staranno gli avversari D’Ambrosio cambierà posizione».

A centrocampo manca qualcuno?

«Bisogna cercare di trovare gli equilibri migliori possibili e far sposare le caratteristiche dei giocatori mettendoli nelle posizioni giuste per farli rendere al meglio».

Che momento sta attraversando Perisic?

«Da Perisic mi aspetto tantissimo perché ha un potenziale enorme e da giocatori come lui è giusto pretendere il massimo. Perisic ha qualità fisiche e tecniche importanti e quindi mi aspetto tanto, è un giocatore sul quale punto così come punto su tutti gli altri ma poi è chiaro che devo fare delle scelte cercando di scegliere chi durante la settimana dà più garanzie ma sul fatto che su Ivan punti molto e mi aspetti tanto da lui sicuramente sì».

Chi l’ha delusa?

«Sono convinto di allenare un’ottima squadra e quindi mi aspetto molto da tutti loro. Non dobbiamo continuare a parlare di singoli ma concentrarci sulla squadra e sugli obiettivi. Ognuno di noi che deve sacrificare qualcosa di proprio per il bene della squadra, così dobbiamo ragionare e così ragioneremo».

Errore da non fare contro il Sassuolo?

«Dobbiamo star dentro la partita che significa interpretare una gara con grandissima attenzione e determinazione sapendo che abbiamo le qualità per riuscire a far male ai nostri avversari in tutte le situazioni. Viverla intensamente sapendo che è una partita importante ma come sono state le precedenti e quelle dopo perché ci sono ancora tanti punti ma certe occasioni vanno sfruttate».