Icardi: “Bello giocare con Pinamonti. Gabigol e Gagliardini…”

Articolo di
5 gennaio 2017, 09:09
Mauro Icardi

Nell’intervista in esclusiva concessa alla “Gazzetta dello Sport”, Mauro Icardi ha parlato del possibile acquisto di Gagliardini, oltre a elogiare i compagni Gabigol e Pinamonti

AMBIZIONE – «Ogni acquisto è sempre ben accetto nella famiglia interista. La proprietà intende portare a Milano giocatori fantastici che aiuteranno tutti a scalare le posizioni della classifica e ad andare avanti in Europa. Però noi calciatori dobbiamo restare concentrati, pensare al campo, tenere il gruppo unito per portare la squadra al terzo posto quest’anno. Così aiuteremo Suning nell’ambizioso progetto di riportare l’Inter in cima all’Italia prima e all’Europa poi».

GABIGOL GRAN LAVORATORE – «È normale che la gente si attendesse di più da Gabigol, si era creata un’immensa aspettativa quando è arrivato in estate. Però il calcio italiano non guarda tanto i giovani, chiede subito risposte. Invece lui ha bisogno di tempo per lavorare e lo sta facendo molto bene ogni giorno. Per me è stato diverso. Io sono cresciuto calcisticamente in Italia, la mia carriera l’ho costruita qui. Per Gabriel invece è diverso, è tutto diverso. La differenza tra me e lui sta in questo».

PINAMONTI – «In Pinamonti vedo un ragazzo umile, che parla poco, che si applica e che ascolta. Tutte qualità quando hai quell’età. Quando ha giocato contro lo Sparta Praga in Europa League gli ho consigliato di non strafare, di giocare come se fosse in Primavera, altrimenti sarebbe stato peggio. E ha fatto un assist per il primo gol di Eder. Sarebbe bello giocare insieme in futuro, è più maturo della sua età e tra qualche tempo forse lo avremo in squadra con noi con più continuità».

GAGLIARDINI – «Gagliardini non lo conosco di persona, l’ho visto giocare. Se dovesse arrivare, sarà il benvenuto, lo accoglieremo davvero volentieri. Sarebbe un altro fratello nerazzurro».