Eder: “De Boer ci vuole compatti, voglio farmi trovare pronto”

Articolo di
15 agosto 2016, 07:01
Éder Inter-Celtic

Dopo la sfida con il Celtic, Eder ha parlato del nuovo tecnico Frank de Boer, sottolineando anche le sue caratteristiche e le possibili differenze con Roberto Mancini. Ecco le sue parole raccolte dalla “Gazzetta dello Sport”

CARATTERISTICHE – Eder ha già le idee chiare sul nuovo allenatore. Dopo la sfida con il Celtic, l’attaccante italo-brasiliano ha commentato la partita vinta per 2-0, commentando le scelte del tecnico olandese. Queste le parole raccolte dalla “Gazzetta dello Sport”: «È stata una buona gara d’allenamento, i compagni sono più avanti, è logico. Per me era l’esordio, non giocavo dal 2 luglio. De Boer vuole sempre una squadra compatta, sia in fase difensiva sia in quella offensiva. Ci ha chiesto di portare pressione sul portatore di palla avversario e vuole che recuperiamo il possesso nella metà campo avversaria».

PIANO FISICO – Il nazionale italiano ha poi commentato le differenze tra de Boer e Mancini sotto l’aspetto fisico, dove forse si possono trovare delle differenze fra i due: «Ogni allenatore ha una sua visione del calcio. De Boer poi arriva da un campionato diverso da quello italiano e ha una sua identità. Noi abbiamo capito cosa vuole, e tocca a noi mettere in pratica le sue indicazioni. Magari si potrà parlare di differenze con Mancini sotto l’aspetto fisico. Io mi sono tenuto sotto controllo anche in vacanza e nell’ultima settimana ho cominciato pure a casa. Non ho lasciato nulla al caso, voglio farmi trovare pronto».

Facebooktwittergoogle_plusmail