Destro ferma l’Inter, debutto per Gabigol

Articolo di
25 settembre 2016, 16:58
Destro

Al Giuseppe Meazza è appena finita Inter-Bologna. Dopo l’1-1 del primo tempo coi gol di Destro e Perisic, i nerazzurri non riescono a sfondare nella ripresa

Dopo tre vittorie consecutive, la marcia dell’Inter viene rallentata dal Bologna che strappa un punto al Giuseppe Meazza nella partita appena terminata col punteggio di 1-1. Il primo tempo è di marca nerazzurra dal punto di vista del gioco, ma a passare per primo è il Bologna: la squadra di Donadoni sfrutta un pallone sanguinoso perso da Kondogbia e ottimamente gestito da Verdi per passare in vantaggio grazie alla rete di Mattia Destro. I nerazzurri però reagiscono, prendono in mano il pallino del gioco e dopo aver creato diverse occasioni interessanti trovano il meritato pareggio con un gran gol di Ivan Perisic.

Nella ripresa l’Inter sembra partire forte, ma dopo alcune fiammate iniziali l’inerzia del match prende una piega di un dominio sterile coi nerazzurri che non riescono a creare occasioni di una certa pericolosità ad eccezione di un buon colpo di Perisic. Al 73° c’è tempo per l’ovazione a Gabigol, al suo debutto in Serie A: il brasiliano ha modo di giocare qualche pallone senza però incidere, avrà tempo per prendersi l’Inter. Nel finale l’Inter probabilmente comincia a sentire un po’ la stanchezza delle ultime partite ravvicinate e lascia spazio al Bologna che sfiora il gol della vittoria (ottimo Handanovic su Torosidis), ma ha ancora il tempo di costruire due buone occasioni fallite da un Mauro Icardi oggi con le polveri bagnate. L’arbitro concede 5 minuti di recupero ma, nonostante un tentativo di assedio finale da parte dell’Inter con una colossale palla gol divorata da Andrea Ranocchia, il risultato non cambia.

Facebooktwittergoogle_plusmail
The following two tabs change content below.
Alessandro Cocco

Alessandro Cocco

Nato e cresciuto in Sardegna, vive attualmente a Roma dove studia storia moderna e contemporanea presso l'Università Sapienza. Tifa Inter fin da bambino, ma segue con attenzione anche il calcio estero dove le sue squadre "simpatia" sono Liverpool, Atletico Madrid ed Hercules Alicante (per l'unico motivo che ad Alicante ci ha vissuto un anno durante il suo erasmus). Scrive anche su bundesligapremier.it