De Boer: “Non potevo rischiare Miranda. L’Inter ha qualità”

Articolo di
15 settembre 2016, 23:55
De Boer urlo

Frank de Boer ha risposto alle domande dei giornalisti in conferenza stampa, molte delle quali riguardanti le scelte di formazione con i tanti cambi rispetto alla squadra vittoriosa a Pescara. Secondo l’allenatore olandese la sconfitta per 0-2 dell’Inter contro l’Hapoel Be’er Sheva è arrivata per altri motivi.

SCELTE OBBLIGATE«Abbiamo una squadra di grande qualità, certo ci sono da considerare le limitazioni del fair play finanziario ma i ragazzi hanno lavorato molto. La stagione è lunga, non potevo prendere rischi con gente come João Miranda che aveva avuto la febbre a Pescara, ci sono tante cose da considerare e ho dovuto fare cambi tipo Davide Santon che aveva avuto problemi fisici. Analizzando la gara siamo partiti male senza avere il controllo del gioco, dovevamo creare più occasioni, solo dopo il 25′ l’abbiamo fatto e nel secondo tempo ci siamo fatti fregare su un mezzo contropiede con un calcio di punizione e un giocatore a terra quando stavamo controllando. È successa la stessa cosa di Pescara, abbiamo perso la testa e non abbiamo proseguito con la nostra filosofia di gioco, dobbiamo migliorare. Mi spiace per i tifosi che volevano un buon risultato in Europa League, questo è molto negativo per tutti. Devo fare delle scelte, credo sia necessario cambiare in una squadra, normalmente si gioca all’80% con la stessa formazione ma essendoci la Juventus fra tre giorni mi è sembrato il momento giusto per dare una chance ad altri giocatori. Ovviamente volevamo vincere oggi, ma anche le altre partite sono importanti e la squadra deve rimanere in forma sino a dicembre».

GESTIONE NEGATIVA«Non abbiamo giocato al nostro meglio a inizio partita, troppo spesso perdiamo palloni facili e su questo dobbiamo migliorare. Giocando il pallone col tempo giusto ci saranno meno problemi, io voglio controllare la partita per ottanta-novanta minuti, credo che abbiamo la qualità per farlo e lavoreremo sodo per diventare la squadra che voglio. I giocatori che sono stati titolari oggi avevano lavorato duro e hanno avuto una chance, magari fra tre settimane potrò rischiare di tenere la stessa formazione ma ora è ancora inizio stagione, certo non hanno dato il massimo e questo è deludente. Se non perdessimo tanti palloni facili e riuscissimo a essere più attenti anche un’ottima squadra come la Juventus avrà problemi, sono convinto che faremo di più già da domenica. Segna solo Mauro Icardi? È questione di tempo, fra poco anche altri giocatori faranno gol, non solo il centravanti. Contro il Pescara tanti giocatori hanno avuto la possibilità di segnare prima di Icardi, quando domineremo di più il gioco e capiremo meglio cosa fare ogni partita sarà migliore».

Facebooktwittergoogle_plusmail