De Boer: “Il 3-5-2 per problemi fisici. Convinto di qualità Inter”

Articolo di
21 agosto 2016, 23:41
Frank de Boer Inter-Celtic

Tanti i temi toccati da Frank de Boer in conferenza stampa dopo la sconfitta per 2-0 contro il Chievo. Il tecnico olandese ha risposto alle domande dei giornalisti, soffermandosi sulla scelta di partire col 3-5-2 e individuando in un deficit fisico uno dei principali problemi del KO di stasera.

SQUADRA ANCORA NON PRONTA«Si è partiti con un risultato diverso da quello che ci aspettavamo, siamo delusi. Caner Erkin? Abbiamo tanti buoni terzini, ho dovuto fare delle scelte e ho preferito altri giocatori, dovrà lottare per avere un posto in squadra. Abbiamo affrontato un 4-3-1-2 a rombo e ho preferito alternare tre e cinque difensori per avere una squadra offensiva, il problema è stato anche a livello fisico. Antonio Candreva ed Éder Citadin Martins sapevano già giocare in questo sistema dall’Italia, per Ivan Perišić ho preferito fare altre scelte per motivi fisici e magari dalla prossima partita giocherà. Abbiamo perso tanti duelli e fatto male il pressing e la gestione della palla, dobbiamo migliorare ma sono convinto della qualità della squadra. Il 3-5-2? Credo che la squadra possa giocare con più sistemi e dominare il gioco, pensavo fosse la miglior soluzione per la situazione in cui siamo adesso. Non voglio parlare di mercato oggi, siamo dispiaciuti per il risultato e ci sono ancora dieci giorni per fare mercato, penso alla partita e a fare meglio la prossima settimana. Dobbiamo essere molto cauti con i giocatori, sarà una stagione molto lunga e dobbiamo avere i giocatori in forma per tutto l’anno, non bisogna prendere particolari rischi. Ho cambiato Éver Banega perché avevo necessità di altri giocatori a centrocampo per vincere i duelli individuali, bisognava mettere più pressione sugli avversari. Il Chievo è una squadra molto esperta che gioca sempre uguale da tre-quattro anni e sa quello che vuole, se non l’affronti con sicurezza ti punisce ed è quello che ha fatto nell’1-0. Abbiamo avuto alcune occasioni ma poi non abbiamo concretizzato e loro ne hanno approfittato essendo molto bravi nelle ripartenze, hanno giocato una bella partita e hanno meritato di vincere».