Corriere: “Siamo sicuri che il vero affare sia Cerci e non Podolski?”

Articolo di
3 gennaio 2015, 08:49
podolski

Il Corriere della Sera, con un interessante articolo di Tommaso Pellizzari, insinua più di un dubbio sull’affare Cerci e sulla sua mediaticità esagerata a fronte dell’arrivo di Podolski all’Inter. Vediamo alcuni punti della sua analisi:

«Ora che Podolski è approdato all’Inter dopo che Cerci è stato acquistato dal Milan, vogliamo provare a domandarci chi ha davvero fatto l’affare?», questo l’inizio di Pellizzari.

GIA’ VISTO – «Per come stavano andando le cose sembrava di assistere ad un remake dell’ultimo giorno di mercato estivo con la vicenda di Bonaventura a lungo inseguito dai nerazzurri ed accasatosi al Milan. Mancini si sbilancia con Cerci in un’intervista alla Gazzetta dello Sport e lo acquista il Milan grazie allo scambio di prestiti con Torres».

PODOLSKI – «A quel punto compare nei radar dell’Inter Podolski. A 29 anni il tedesco ha già giocato tre Mondiali e tre Europei oltre ad aver militato nel Bayern Monaco e nell’Arsenal. E qui vale quanto detto per Gervinho: aver lavorato per due stagioni e mezza con Arsene Wenger equivale ad aver frequentato un master in calcio mondiale di elevato livello. Se è vero che Cerci “è buono subito” perchè conosce la serie A è altrettanto vero che Podolski arriva con un bagaglio di esperienza e conoscene tecnico-tattiche decisamente superiore all’italiano. L’unico dubbio è legato al suo stato di forma fisica dato che in questa stagione ha giocato pochissimo».

COLPO MIGLIORE – «Vale la pena azzardare che quello di Podolski è un colpo migliore rispetto a Cerci anche da un punto di vista simbolico: non è un fuoriclasse ma un ottimo giocatore che per l’Inter lascia un club più ricco ed un torneo migliore. A fine stagione confronteremo i due giocatori e vedremo chi ha lasciato un’impronta maggiore nel club di appartenenza».

Analisi interessante quella di Pellizzari. Spesso i colpi di mercato dell’Inter non vengono adeguatamente messi in risalto nel modo corretto. Sarà così anche questa volta? Nei prossimi mesi vedremo.

Facebooktwittergoogle_plusmail