Clamoroso, Inter: il sogno Europa passa da UEFA, B e…Milan

Articolo di
24 maggio 2015, 14:57
Europa League

Incredibile, ma vero: l’Inter non ha perso, almeno matematicamente, le speranze di qualificarsi last minute per la prossima edizione dell’Europa League. Una sola combinazione è quella auspicabile, ma bisogna incastrare tre risultati clamorosi

TRA LE GENOVESI... – L’Inter perde e saluta il sogno Europa League, restando a quota 52 punti. A vincere è il Genoa, che praticamente guadagna la qualificazione, ma teoricamente no, in quanto non in possesso della licenza UEFA e, salvo sorprese, non l’avrà nonostante il ricorso, proprio come avvenne al Parma nell’ultima stagione. A Empoli gioca la Sampdoria e, inaspettatamente, non vince, portandosi a quota 55 punti grazie al pareggio di Samuel Eto’o nel recupero: la distanza tra le due squadre aumenta di un punto, ma è ancora colmabile. Tre punti, come quelli che saranno a disposizione nell’ultima giornata. E adesso manca solo quella, la 38a giornata: l’Inter affronta proprio l’Empoli, la Sampdoria il già citato Parma, retrocesso e fallito, ma con un orgoglio incredibile. Insomma, ci sarebbero tutte le carte in regola, o quasi, per sognare ancora: l’Inter vince in casa contro i toscani e va a quota 55, la Sampdoria perde contro gli emiliani rimanendo al palo e, a pari punti, l’Inter avrebbe il favore della differenza reti, mentre al Genoa viene confermata l’impossibilità di giocare in Europa, rendendo nulli i 59, 60 o 62 punti finali.

…SPUNTANO GRANATA E CUGINI – Tutto bello, vero? Se non si tenesse conto di un ultimo, importantissimo, particolare. A quota 51 punti, quindi uno meno dell’Inter, c’è il Torino. I granata, rispetto ai nerazzurri e alle genovesi, hanno ben due partite da giocare, non una. Il primo appuntamento è stasera, a San Siro: Milan-Torino. Il secondo, invece, è in casa contro il Cesena. Inutile dire che, per sognare ancora, è necessario che i cugini rossoneri facciano un regalo al club di Erick Thohir, non solo bloccando la squadra di Ventura, ma magari battendola anche, per evitare di lasciare il futuro europeo dell’Inter nelle mani, anzi nei piedi, di giocatori già retrocessi in Serie B e con stimoli da ricercare altrove: il Cesena per quanto riguarda il Torino, oltre al Parma che farà visita alla Sampdoria. Dunque il sogno europeo dell’Inter passa dalla UEFA, che dovrebbe estromettere il Genoa; dalla Serie B (se tale sarà), che dovrebbe dare al Parma la forza di sconfiggere la Sampdoria prima di salutare la massima serie, e magari al Cesena quella di bloccare il Torino; e dal Milan, perché se stasera a sua volta sconfiggesse gli uomini di Ventura, l’Inter sarebbe ancora in corsa e avrebbe una rivale in meno per l’ultimo posto disponibile per la prossima Europa League. Infatti, in caso di arrivo a pari punti (quota 55, il Torino ci arriverebbe pareggiando contro il Milan e battendo il Cesena), si creerebbe una clamorosa classifica avulsa a tre in cui i nerazzurri (4 punti) e i blucerchiati (6 punti) avrebbero gli sfavori del caso rispetto ai granata (7 punti).