Candreva: “Inter da Champions. Mancini? Dispiace che…”

Articolo di
19 agosto 2016, 21:24
Candreva

Antonio Candreva – dopo la presentazione ufficiale – si è fermato a parlare ai microfoni di “Premium Sport”, a cui ha ripetuto alcuni concetti già espressi in conferenza stampa, dedicando in particolare un pensiero a Mancini, che l’ha fortemente voluto all’Inter prima di andare via

INTER E OBIETTIVI – Dopo la presentazione ufficiale, il giorno da protagonista di Antonio Candreva si conclude con le ultime dichiarazioni: «L’Inter è assolutamente la grande occasione della mia carriera: arrivo in un grande club e all’età giusta per dimostrare di puntare a vincere con questa maglia. L’Inter è un top club: è abituata a stare in Champions League e a vincere, sono qui per questo. Con i miei compagni ci stiamo preparando per raggiungere i grandi obiettivi».

SUNING E MANCINI – «Mi volevano l’Inter e la proprietà Suning con il consenso di Roberto Mancini: dispiace non averlo conosciuto al meglio perché stavo recuperando dall’infortunio. Ora c’è un nuovo mister, che si è presentato alla grandissima e abbiamo tutti voglia di stupire e far tornare i tifosi dell’Inter a gioire come ai vecchi tempi».

DE BOER E CHIEVO – «Mi piace assolutamente la filosofia di Frank de Boer: ci prepara al meglio negli allenamenti per la domenica, la voglia di comandare la partita e di avere il possesso palla. Gli allenamenti sono piacevoli e ci stiamo preparando bene. Il ChievoVerona è una squadra che gioca da tanti anni insieme, i giocatori si conoscono bene. Sappiamo che è un campo difficile, ma abbiamo lavorato e siamo pronti. Chiedere qualche rigore a Mauro Icardi? Vediamo (sorride, ndr)».

Facebooktwittergoogle_plusmail
The following two tabs change content below.
Andrea Turano
Nato nell’era Bagnoli, ma svezzato da Simoni, vive la sua vita in nero e azzurro. Parla di Inter ventiquattro ore al giorno, nel tempo libero si limita a scrivere, sempre di Inter. Sogna di lasciare un ricordo indelebile nella storia della Beneamata, come Arnautovic. E’ un tifoso sfegatato come tanti, ma obiettivo come pochi.