Botta e risposta Inter-Juventus, Icardi sul palo: 0-0 al 45′

Articolo di
18 settembre 2016, 18:51
Mauro Icardi

E’ un’Inter nettamente diversa da quella “ammirata” tre giorni fa in Europa League. La squadra di Frank de Boer ha reagito a tutte le critiche, creando più di qualche problema alla Juventus. Il primo tempo racconta, infatti, di una sfida giocata a viso aperto contro i campioni d’Italia.

PRIMO TEMPO – La tensione a “San Siro” si taglia a fette. L’Inter affronta uno snodo fondamentale della stagione e del suo personale percorso di crescita. Ma di fronte c’è una corazzata come la Juventus. La squadra di Massimiliano Allegri parte fin da subito forte e a tratti schiaccia i nerazzurri nella loro metà campo. Le due formazioni si studiano e pensano soprattutto a non scoprirsi, piuttosto che attaccare. Con il passare dei minuti l’Inter riesce a prendere in mano il pallino del gioco, anche se spesso e volentieri la manovra risulta sterile. Di chiare occasioni da gol, però, nemmeno l’ombra; una potenziale sulla testa di Icardi, che da ottima posizione non riesce a colpire la sfera. Ma gli uomini di Frank de Boer aumentano i giri del motore e poco più tardi Eder lascia partire una conclusione velenosa, che si spegne alla destra di Buffon. La gara si accende poi al minuto 34: prima Khedira grazia Handanovic con un colpo di testa dall’altezza del dischetto di rigore, poi Icardi scheggia il palo sul capovolgimento di fronte. Sono le prime due vere chances del match. Le squadre si cominciano ad allungare sul finire della frazione e Pjanic, per una manciata di centimetri, non pesca l’asso dai 25 metri, con una ‘maledetta’ in stile Andrea Pirlo. L’arbitro manda le squadre negli spogliatoi e l’Inter può essere più che soddisfatta della sua prestazione.

TABELLINO

Inter-Juventus 0-0

Marcatori:

Ammonizioni: 19′ Lichtsteiner (J), 28′ Barzagli (J), 46′ Asamoah (J)

Espulsioni:

INTER: 1 Handanovic; 33 D’Ambrosio, 25 Miranda, 24 Murillo, 21 Santon; 6 Joao Mario, 17 Medel; 87 Candreva, 19 Banega, 23 Eder; 9 Icardi.
A disposizione: 30 Carrizo, 5 Melo, 7 Kondogbia, 8 Palacio, 10 Jovetic, 11 Biabiany, 13 Ranocchia, 27 Gnoukouri, 44 Perisic, 55 Nagatomo, 94 Yao, 95 Miangue.
Allenatore: Frank de Boer

JUVENTUS: 1 Buffon; 4 Benatia (25′ Barzagli), 19 Bonucci, 3 Chiellini; 26 Lichtsteiner, 6 Khedira, 22 Asamoah, 5 Pjanic, 12 Alex Sandro; 17 Mandzukic, 21 Dybala.
A disposizione: 25 Neto, 32 Audero, 7 Cuadrado, 9 Higuain, 11 Hernanes, 15 Barzagli, 18 Lemina, 20 Pjaca, 23 Dani Alves, 24 Rugani, 33 Evra.
Allenatore: Massimiliano Allegri

Arbitro: Tagliavento
Assistenti: Passeri, Costanzo
IV uomo: Cariolato
Addizionali: Banti, Valeri