Biabiany: “Voglio conquistarmi un posto in questa Inter”

Articolo di
13 luglio 2015, 12:16
11739636_10153350529550155_1077632418_n

Si è conclusa pochi minuti fa la conferenza stampa di presentazione di Biabiany. L’evento è stato seguito dalla nostra inviata a Riscone di Brunico Francesca Ceciarini. Il giocatore francese, dopo un periodo difficile per colpa di un problema al cuore, è pronto a rimettersi in gioco. 

APRE AUSILIO – “Questa è la terza volta che viene qui da noi, è uno dei nostri ragazzi, speriamo che sia l’ultima (ride, ndr). Il piacere è particolare perché è cresciuto con noi, facendo con noi il settore giovanile ed è diventato campione del mondo con l’Inter, tra l’altro con un suo gol. Riaverlo dopo una parentesi sfortunata a livello fisico è una soddisfazione ancora più grande”.

INTER-NEWS.IT CHIEDE – Jonathan tu sei entrato nella storia dell’Inter con il gol nella finale di Coppa del mondo per Club contro il Mazembe, ora quali sono le tue ambizioni per questa nuova esperienza all’Inter. Pensi di essere ancora un giocatore importante e pensi che questa squadra abbia le basi per fare la storia? “Sicuramente spero di tornare al 100% il prima possibile e di fare il massimo con l’Inter, sperando di arrivare il più in alto possibile in campionato”.

LA RINASCITA – “Sicuramente è stato difficile nel momento in cui mi hanno detto che mi dovevo fermare per un poco, però non ho mai avuto paura di non tornare. Sono stato in famiglia e mi hanno dato una grossa mano. Adesso non ho alcun timore, soprattutto perché se fosse così sarei limitato. Se sono tornato è perché non ho paura di nulla. Recupero? Dire quanto tanto tempo ci vuole non lo so perché dipende da tante cose. Ambizioni? Voglio prima di tutto mettermi in gioco dopo un anno che sono stato fermo e lo posso fare con una grande squadra in cui posso imparare qualcosa e tornare presto al mio livello, per me è una doppia cifra. Voglio conquistarmi un posto“.

PASSATO E FUTURO – “L’anno scorso c’è stato un interesse reale e loro hanno scoperto il mio problema al cuore. Io sono stato al Parma e cercavo una grande squadra e arrivata all’ultimo il Milan e ho accettato la sfida. Rimanere? Non penso al prestito, voglio un’esperienza di grande livello e penso di rimanere qua”.

OCCASIONI – “Ho cominciato il recupero con l’Inter che mi ha dato tutta la disponibilità. Con questa società ho un ottimo rapporto, questa è la mia casa. Dialogo con il Mancio? Con il mister non ho ancora parlato di ruoli, si sta solo informando sul mio stato di salute. Che Inter sta nascendo? La squadra si è rinforzata con ottimi giocatori, possiamo fare davvero bene. Spero che possiamo tornare ai livelli che la nostra storia merita. Ci vuole un po’ di tempo, come giusto che sia”.

TALENTI – “Ho visto un po’ degli allenamenti del settore giovanile. Il fratello di Gnoukouri (Zate Wilfried Demoya, ndr) mi ricorda me alla sua età. Poi sono rimasto molto impressionato dal difensore degli allievi nazionali Gavillon“.

PARMA NEL CUORE – “Non è finita come tutti speravamo però l’importante è che riparta subito e ritorni dove merita di essere. I miei compagni hanno lottato fino alla fine e sono stati molto bravi e quindi a loro vanno i miei complimenti. Spero che il Parma torni il prima possibile nel calcio che conta”.