Ausilio: “Perišić nulla, Medel Tigres mai sentiti. Gabigol-Inter…”

Articolo di
12 luglio 2017, 23:51
Ausilio

Arrivano dichiarazioni importanti da Riscone di Brunico. Il DS dell’Inter Piero Ausilio, in collegamento con “Calciomercato – L’Originale” su Sky Sport, ha smentito che le cessioni di Ivan Perišić e Gary Medel siano vicine alla definizione. In entrata Per Dalbert Henrique si preannunciano tempi lunghi, mentre su Luciano Spalletti e Suning si è espresso nella prima parte del programma.

USCITE IN DUBBIO«Gabigol? Non è una cosa poi così tanto strana, ci sta che quando un ragazzo così giovane arriva da un campionato così diverso come quello brasiliano possa avere delle difficoltà che sono di diverso tipo. Sono di ambientamento, legate all’aspetto tattico e al modo di giocare che è molto più diverso, sicuramente molto più individualista quello brasiliano. Lui doveva crescere anche a livello fisico, ha il vantaggio che lavora tanto e bene. È un ragazzo che ha voglia di crescere, migliorarsi e diventare importante nell’Inter. Dobbiamo capire assieme a lui qual è il percorso, avendo firmato per cinque anni, migliore per facilitare ora la sua crescita, lui deve diventare un giocatore da Inter e dell’Inter, magari può essere facilitato un anno in prestito per giocare con continuità, ma lo valuteremo assieme al ragazzo e a Luciano Spalletti. Dalbert Henrique? C’è una trattativa, noi ci siamo presentati in modo ufficiale al Nizza qualche giorno fa, abbiamo manifestato interesse per questo calciatore ed è una cosa lunga. Non è così semplice perché il Nizza non è orientato a venderlo, bisogna avere un po’ di pazienza e avere una strategia, aspettare e rispettare la decisione di un club che comunque ha la Champions League e ha un progetto su questo ragazzo. Ivan Perišić? Non ci siamo, si allena molto bene e a oggi non abbiamo preso in considerazione nulla di quello che ha offerto il Manchester United. Stevan Jovetić? Nulla. Gary Medel? I Tigres non li abbiamo mai sentiti, ho letto di visite mediche ma a oggi non abbiamo mai sentito neanche una telefonata. Lucas Lima? È un buon giocatore. Walter Sabatini? Ci saranno altre occasioni sicuramente per stare tutti insieme, parliamo tutti i giorni in realtà. È normale che avendo il mister qui in ritiro siamo stati in contatto ogni giorno e ogni notte, visto che usa chiamare dopo le riunioni tecniche. Domani faremo il punto su tutto, sia in entrata sia in uscita. Non c’è un calciatore che il mister vuole a tutti i costi, noi abbiamo delle idee e a oggi nessuna di queste idee è stata abbandonata. I ruoli sappiamo benissimo quali solo, ogni posizione ha un nome e come funziona in questi casi c’è un piano A e un piano B. Il mercato è ancora lungo e al 31 agosto l’Inter sarà forte e competitiva, lo sa Spalletti e lo sappiamo tutti».