Ausilio: “Handanović, rinnovo ai dettagli. Per Montoya vediamo”

Articolo di
19 novembre 2015, 00:07
ausilio

Ultima parte delle dichiarazioni rilasciate da Piero Ausilio nel corso del programma “Prima Pagina” su Gazzetta TV. Qui il DS nerazzurro si sofferma sulle situazioni riguardanti i terzini, i rinnovi e i giovani tesserati dell’Inter.

TERZINI«Martín Montoya è in prestito, non ha mai giocato, noi affronteremo questa cosa fra qualche giorno, discuteremo con lui e col suo agente. È un giocatore del Barcellona, non è stato acquistato dall’Inter, è in prestito annuale con possibilità di rinnovare per un altro anno legata a presenze che per ora non ha fatto. Abbiamo tanti terzini, sei, c’è ancora anche Montoya e prima di comprare dobbiamo vendere. Sicuramente Gregory van der Wiel ha un’esperienza diversa perché ha giocato nel PSG ed è nazionale olandese, è più fatto e finito rispetto a Thomas Meunier».

RINNOVI«Samir Handanović è il giocatore più vicino al rinnovo, siamo ai dettagli. Stiamo valutando per Yuto Nagatomo e Rodrigo Palacio, ci sono possibilità di rinnovare ma vedremo, mentre Fredy Guarín non è in scadenza e lo affronteremo più in là. Offerta di 35 milioni per Mauro Icardi? Attacco il telefono (ride, ndr)».

GIOVANI«Rey Manaj è una bella sorpresa, non per noi perché sapevamo delle sue qualità già dalla Cremonese, ha tanta personalità e gli vogliono tutti bene, è in prestito con diritto di riscatto a 500.000 euro. Biraghi è in prestito al Granada, siamo molto contenti perché sta giocando, Yao a Crotone sta crescendo molto bene ed è in una bella realtà. Federico Bonazzoli adesso è un calciatore della Sampdoria, è un attaccante e se vai a vedere chi gioca ce ne sono parecchi. Il quasi con Massimo Ferrero dura tanto e per Éder mi ero illuso, poi i due gol di Napoli di sicuro non hanno aiutato. Con Ferrero il tempo si passa volentieri ma a un certo punto ho capito che non c’era più la possibilità e abbiamo lasciato stare».

PRESIDENTI«Mi trovo molto bene con Erick Thohir ma devo tutto a Massimo Moratti, è un grandissimo intenditore di calcio, ti chiama e ti parla di calcio a qualsiasi ora, lui è uno di quelli che spesso ti consiglia prima il calciatore, di quelli recenti da subito si innamorò di Mario Balotelli. Il ragazzo venne preso e inserito nella squadra Allievi, lui dopo poche partite si accorse che era sprecato per la categoria. Con Mario io e Roberto Mancini abbiamo un rapporto d’affetto tale che ogni tanto una telefonata anche solo per sapere come sta c’è, ma solo telefonate di correttezza, non c’è stata la possibilità di vederlo tornare all’Inter. Thohir è appassionato di giovani e conosce giocatori internazionali, ha una passione sfrenata per i giovani olandesi e francesi».