Ausilio e il mercato: “Biabiany resta, ma qualcuno parte”

Articolo di
30 novembre 2015, 20:45
ausilio

Il direttore sportivo dell’Inter parla dell’imminente sfida col Napoli, ma si dilunga anche sul mercato e sulle potenzialità delle concorrenti in chiave scudetto

A meno di mezz’ora dal calcio d’inizio di Napoli-Inter, il direttore sportivo nerazzurro Piero Ausilio parla ai microfoni di Mediaset Premium: “Noi stiamo facendo bene, abbiamo fatto tanti punti ma possiamo migliorare. Abbiamo cambiato tanti giocatori, stiamo cercando l’assetto migliore, da questo dobbiamo partire per diventare più squadra. Dobbiamo giocare al massimo delle nostre possibilità, proverei amarezza se la squadra non si esprimesse al meglio delle sue possibilità davanti a questa squadra e davanti a questo pubblico. Scudetto? Il campionato è molto lungo, il risultato di oggi è solo un passaggio verso altre 24 partite”.

IL MERCATO- Ausilio ha poi parlato di mercato, affermando di non avere particolari richieste da parte di Roberto Mancini ma svelando che qualcuno lascerà la squadra: “Il mister non ha chiesto nulla di particolare. Sta ancora scoprendo questi ragazzi, abbiamo fatto un primo punto e abbiamo deciso di dare a quei 2-3 ragazzi che hanno giocato meno la possibilità di fare esperienza altrove, poi vedremo se si prenderà qualcun altro”.

BIABIANY RESTA, NO A PIRLO- Tra quelli che partiranno non ci sarà Jonathan Biabiany: “Biabiany rimane al 100%, è un giocatore importante, utile, siamo contenti di averlo recuperato e crediamo resterà qua a lungo. Pirlo? Non c’è molto da osservare, lo conosciamo benissimo, è un grande calciatore ma siamo convinti di avere una buona squadra e tanti bravi centrocampisti”.

LE CONCORRENTI- Ausilio pensa che le concorrenti per lo scudetto siano favorite perché più rodate rispetto all’Inter: “Napoli più attrezzato? Ci sono squadre come Roma, Napoli, Juventus che sono partite prima come progetto. Sarri è un allenatore nuovo, Sarri ci ha messo del suo, ma ha lavorato su una struttura di squadra già esistente. Noi siamo un progetto nuovo con undici calciatori nuovi quindi abbiamo bisogno di più tempo, ma non vogliamo smettere di fare bene continuando su questa squadra”.

MANCINI GIOCA PER VINCERE- Ausilio ha infine risposto a chi pensa che Mancini abbia impostato una squadra più propensa a difendersi che ad attaccare: “Mancini ha una squadra di qualità, cerca sempre di mettere in campo i giocatori migliori. Siamo l’Inter, dobbiamo sempre fare la partita, quando hai giocatori come i nostri ci sono tante possibilità. Oggi il mister ha scelto questi nomi e mi sembra una squadra con un atteggiamento propositivo”.