Ausilio a PS: “Mercato? Sfoltiremo la rosa, siamo troppi”

Articolo di
28 novembre 2016, 20:44
Piero Ausilio

Il direttore sportivo dell’Inter ha parlato ai microfoni di Mediaset Premium a pochi minuti dal calcio d’inizio di Inter-Fiorentina, posticipo di questa giornata di campionato

A pochi minuti dal calcio d’inizio di Inter-Fiorentina, il direttore sportivo nerazzurro Piero Ausilio ha parlato ai microfoni di Mediaset Premium, a partire dall’esclusione sorprendente di Joao Mario dall’undici titolare: “Gioca un altro, quando hai una squadra di qualità, e penso che l’Inter sia forte, fatta di ottimi giocatori. Dobbiamo lavorare per diventare una squadra vera, ma abbiamo talmente tanta qualità che non si possono discutere scelte di questo tipo, ci saranno altre partite e avrà modo di farsi trovare pronto”.

BERNARDESCHI-
“E’ un profilo di grande qualità, un giocatore forte. Per chi ama il calcio non può non essere considerato di qualità, a me piace il calcio quindi mi piace anche Bernardeschi”.

I VERTICI SOCIETARI-
“In realtà sono molto pià presenti di quello che si vuole far credere, il figlio è fisso a Milano, la proprietà ogni 15 giorni è presente, Thohir uguale. Sono cose mediatiche, noi li sentiamo fisicamente, come presenza, poi li sentiamo quotidianamente telefonicamente. Noi li sentiamo presenti e vicini in ogni occasione”.

STASERA DECISIVA- “Dobbiamo ragionare partita dopo partita, il campionato di Serie A insegna che quella che può sembrare una distanza incolmabile può essere colmata con una buona serie di risultati, l’anno scorso abbiamo avuto un cammino negativo, la Juve all’ inverso, ci sono esempi positivi e negativi, speriamo di poter essere un esempio positivo in futuro”.

IL MERCATO- “I nomi che stiamo seguendo non sono mai usciti, sono giocatori che monitoriamo. Diego Costa? Abbiamo bisogno di tutto tranne che di un centravanti, ne abbiamo uno forte, il capitano, stiamo guardando un po’ ovunque dove dobbiamo migliorare”.

GABIGOL- “Siamo ancora a Novembre, Pioli ha fatto una partita, ha diritto e dovere di valutare la rosa. Ci sono ancora delle partite, anche lui avrà la sua opportunità, ma andremo comunque a ridurre la rosa perché siamo tanti, avendo solo la Coppa Italia andremo a ridurre, poi con chi lo vedremo insieme all’allenatore”.

IL NAPOLI-
“Noi non dobbiamo rispondere a nessuno, dobbiamo andare in campo pensando a oggi, alla Fiorentina, una squadra forte che ha fatto bene fuori casa. Per il Napoli c’è bisogno di poco perché poi tra qualche giorno siamo lì, oggi siamo a casa nostra a San Siro e vogliamo fare bene questa sera”.