Ausilio a MP: “Serata importante, i giocatori lo sanno”

Articolo di
2 ottobre 2016, 20:33
Piero Ausilio

Il direttore sportivo dell’Inter parla a pochi minuti dal calcio d’inizio di Roma-Inter, mostrandosi fiducioso sul fatto che la squadra riscatterà la brutta figura fatta in Europa League

A pochi minuti dal calcio d’inizio di Roma-Inter, il direttore sportivo nerazzurro Piero Ausilio si è presentato ai microfoni di Mediaset Premium: “Noi l’abbiamo preparata come si devono preparare queste partite, giovedì è passato, dobbiamo pensare solo a una grande prestazione stasera e quando fai le grandi prestazioni spesso arrivano anche i punti”.

BROZOVIC- “Stiamo parlando troppo di Brozovic, è un giocatore dell’Inter, deve allenarsi e basta. Ha iniziato un percorso, lunedì si è allenato coi compagni per la prima volta, per il tecnico non è stato sufficiente. Io ho la mia idea, il mister la sua, legata alla condizione e al fatto che si è allenato solo una settimana con la squadra”.

IL CAMPIONATO E LA COPPA- “E’ una serata importante, siamo in un periodo in cui si può sbagliare. Noi dobbiamo trovare quella continuità che in campionato abbiamo trovato e stiamo portando avanti, in campionato veniamo da una striscia positiva. L’Europa League è un’altra cosa, ha dato fastidio a tutti giocare due partite non da Inter, ma oggi c’è la Roma, è campionato e in campionato l’Inter sta facendo la sua parte”.

FAR CAPIRE AI GIOCATORI L’IMPORTANZA DELLA MAGLIA- “Deve essere così, noi siamo in campo tutti i giorni e tutti i giorni ricordiamo ai ragazzi l’importanza di questa maglia, l’importanza è stata capita per la Serie A, verrà capita anche per l’Europa. Oggi c’è la Roma, queste partite si preparano da solo, i giocatori sanno quanto è importante ma se ce ne fosse bisogno di ricordarglielo ci penseremo”.

MORATTI- “Non si possono commentare le parole di un presidente. A Moratti mi legano riconoscenza e affetto, sono all’Inter da 18 anni, non posso che parlarne bene di Moratti. Il mio presente oggi è Thohir e la Suning, devo pensare a questo e lavorare con loro, senza parlare”.

Facebooktwittergoogle_plusmail
The following two tabs change content below.
Alessandro Cocco

Alessandro Cocco

Nato e cresciuto in Sardegna, vive attualmente a Roma dove studia storia moderna e contemporanea presso l'Università Sapienza. Tifa Inter fin da bambino, ma segue con attenzione anche il calcio estero dove le sue squadre "simpatia" sono Liverpool, Atletico Madrid ed Hercules Alicante (per l'unico motivo che ad Alicante ci ha vissuto un anno durante il suo erasmus). Scrive anche su bundesligapremier.it