Ausilio a MP: “Questa Inter non è scarsa, vogliamo dimostrarlo”

Articolo di
24 febbraio 2018, 20:31

Tra pochi minuti l’Inter scenderà in campo contro il Benevento nell’anticipo di campionato. Il direttore sportivo nerazzurro Piero Ausilio ha parlato ai microfoni di Mediaset Premium

LE POLEMICHE SOCIAL- “In merito dico solo che sorrido e passiamo ad altro, parliamo di calcio”.

L’OBIETTIVO CHAMPIONS- “Quello che dobbiamo fare, ma si può fare solo con le prestazioni, è stato detto in mille modi, si fanno analisi e si cerca di capire che errori fatti e tutto quello che è stato fatto di positivo nei primi mesi della stagione ci permette di parlare ancora di Champions. Siamo a due punti dal terzo posto e dobbiamo guadagnare posizioni”.

AMBIENTE COMPATTATO- “In realtà non c’era bisogno, compattare è più mediatico, non avevamo nulla da compattare perché siamo tutti uniti compatti sui nostri obiettivi in tutte le varie forme. La società è fatta di tante situazioni, calciatori, allenatore, staff, dirigenti e siamo tutti una cosa unica”.

INTER IN CALO FISICO?- “Questa è una cosa che riguarda il mister e lo staff, tutte le settimane vengono analizzate le prestazioni e anche ieri si faceva riferimento a quanto corre la squadra. Io non penso a un discorso di forma, ma probabilmente coi primi risultati negativi è mancato qualcosa a livello di fiducia. Io penso un po’ che in queste 10 partite, con il pareggio a Torino, dimostra che i numeri sono relativi, mettiamo in mezzo i pareggi con Roma e Juventus e le partite negative sono molto meno”.

WANDA NARA DESTABILIZZA L’AMBIENTE?- “Non credo, bisogna scindere quello che vuol dire essere moglie e procuratore, con l’agente del calciatore ci sono contatti continui, legati a una comune voglia di poter vedere se si può fare qualcosa assieme, non c’è fretta e le cose saranno fatte in assoluto silenzio perché più si parla e più tardi verranno fatte”.

LE TROPPE PAROLE CON LA STAMPA- “Io parlo perché mi obbligano perché eviterei, vengo con piacere, ma siete sempre professionisti seri e uno non si nega mai. Noi vogliamo i fatti, le parole interessano poco, i fatti vuol dire far bene in campo e vincere le partite”.

IL RITORNO DI CANDREVA E PERISIC- “Sono due giocatori molto forti e ho tanta fiducia, hanno dimostrato quello che valgono e che possono dare all’Inter già da questa sera”.

RAFINHA TITOLARE-
“Se cominciamo a citare tutti vuol dire che non siamo scarsi, la squadra è forte, guardare la panchina fa pensare che non è scarsa, è stata costruita con una logica e un obiettivo, tornare in Champions, e faremo di tutto per tornarci. La società è unita e già oggi vogliamo dimostrarlo sul campo”.