Zhang, lo manda Lippi: c’è da fidarsi?

Articolo di
4 maggio 2015, 12:11
zhang

Cinese, 26 anni da compiere sabato prossimo, una Champions e due campionato vinti col Guangzhou dell’ex Lippi: 37 presenze e 4 gol con la nazionale della Cina, in patria uno dei giocatori più amati, famosi e forti. L’ex Ct della Nazionale lo raccomanda, Mancini conferma di seguirlo: il nuovo colpo difensivo potrebbe parlare asiatico.

COLPO DI MARKETING O DI QUALITA’? –  Al termine del match contro il Chievo, pareggiato 0-0, Roberto Mancini non si è nascosto alle domande su Zhang ed ha così confermato l’interesse per l’asiatico: “Sì, conosco Zhang, ha qualità e duttilità. È un giocatore che seguiamo con attenzione“. Inter che ha già preso Murillo, vedrà partite Andreolli e per cui dovrebbe di certo prendere un altro “stopper” visto ormai il decentramento in pianta stabile di Juan Jesus sulla sinistra. L’arrivo di Zhang porterebbe di sicuro grande interesse in Cina, con conseguenti ritorni di marketing e introiti vari per Thohir visto l’enorme seguito che ha l’Inter e la Serie A da quelle parti: ciò che però più interessa Mancini è la qualità di questo ragazzo, che pare esserci. Lo conferma anche Marcello Lippi, che lo avrebbe consigliato a più di un club italiano. Certo è che quando si tratta di giocatori asiatici, soprattutto difensivi, si è soliti storcere un po’ il naso e lasciarsi andare a facili pregiudizi, spesso giustificati: per quanto il movimento calcistico cinese risulti essere in forte espansione, risulta complicato immaginare un loro giocatore all’altezza, soprattutto tatticamente, del calcio europeo ed in particolare di quello italiano. La sola garanzia arriverebbe proprio dall’insegnamento tipicamente “azzurro” di Lippi nella sua esperienza al Guangzhou, condita da 2 campionati ed una Champions d’Asia: basterà? Ma soprattutto, c’è da fidarsi?