Zenga: “Il pari ci sta ma l’Inter meritava di più. Kondogbia…”

Articolo di
21 novembre 2016, 14:04
Walter Zenga

Walter Zenga si è ovviamente soffermato sul derby di ieri sera nel corso del suo intervento nella trasmissione della “Rai” Radio Anch’io Sport durante la quale ha speso qualche parola anche sulla scelta di provare a rilanciare Geoffrey Kondogbia.

PAREGGIO GIUSTO – «Io penso di sì anche se a mio modo di vedere l’Inter meritava di più per quello che ha fatto vedere nei novanta minuti. Intanto c’è da dire che quando c’è un cambio di allenatore la reazione c’è sempre, poi se questa reazione avviene in una delle partite più importanti è naturale. Però dobbiamo vedere cosa succederà nel lungo termine, ieri l’Inter ha reagito perché era il derby e c’era stato il cambio di allenatore, quindi era logico e normale che ci fosse una reazione. Medel in difesa? Gli allenatori hanno le loro convinzioni e quindi agiscono di conseguenza alle loro idee ed è giusto che sia così. Portare Medel in difesa ha dato sicuramente un po’ di aggressività in più permettendo all’Inter di stare più alta nei primi 35 minuti, poi c’è chi può discutere il fatto di aver rilanciato Kondogbia e il fatto che Joao Mario in quella posizione non abbia l’istinto del goleador necessario per aiutare Icardi. Oggi come oggi la priorità del calcio è la bravura tecnica e la rapidità d’esecuzione perché ti permette di giocare a due tocchi e di uscire velocemente dal pressing avversario, cose che magari Kondogbia in questo momento non ha però tutto sommato noi interisti siamo discretamente contenti di questo derby anche se non siamo così eccitati dall’idea del campionato che siamo facendo».

Facebooktwittergoogle_plusmail
The following two tabs change content below.
Riccardo Melis

Riccardo Melis

Riccardo Melis (Cagliari, 1990), studente universitario quasi laureato (si spera) in Scienze della Comunicazione; adora leggere, parlare e sopratutto scrivere di calcio e cinema. Tifoso dell’Inter da quando aveva otto anni, ha superato brillantemente i suoi primi anni di tifo, più neri che azzurri, senza che la sua fede verso questi colori fosse scalfita di una virgola.