Zanzi: “Pioli? Non integralista, all’Inter può far bene! In Italia…”

Articolo di
2 novembre 2016, 21:46
Pioli

Roberto Zanzi ha parlato ai microfoni di “GianlucaDiMarzio.com” della possibilità che l’Inter ingaggi Stefano Pioli per il dopo Frank de Boer: l’ex responsabile dell’area tecnica del Bologna, che conosce bene l’ex tecnico della Lazio, promuove la scelta a pieni voti. Di seguito le sue dichiarazioni

PROFILO ADATTO – «Sarei felice se l’Inter scegliesse Stefano, perché ha tutte le caratteristiche per fare bene. I nerazzurri devono ricompattarsi come squadra, i valori ci sono, devono solo cambiare lo spirito e credo che un profondo conoscitore del calcio italiano possa aiutarli a modificare gli atteggiamenti. Lo conoscevo sin da quando era calciatore e mi piacque perché non è un uomo alla ricerca della ribalta mediatica. È una persona realista, che non cerca scorciatoie, che ha atteggiamenti positivi e sa esaltare il lavoro di gruppo. Pioli è un allenatore che sa ascoltare: sul campo non è un integralista, passa dal 4-2-3-1 al 4-3-3 senza problemi. Sa lavorare col materiale umano che ha a disposizione».

ETICHETTE – «Lui come traghettatore? In Italia si fanno sempre tante distinzioni, si utilizzano categorie che poi nei fatti non esistono. Si parla di progetti pluriennali, poi in assenza di risultati si esonerano gli allenatori. I progetti sono solo sulla carta. Se Pioli farà bene, all’Inter non avranno problemi a confermarlo».

Facebooktwittergoogle_plusmail
The following two tabs change content below.
Viviana Campiti

Viviana Campiti

Nata e cresciuta in Calabria, dove si laurea in Scienze dell'Educazione. Amante del calcio in tutte le sue forme, dalla Terza Categoria alla Serie A. Interista per predisposizione naturale e onestà intellettuale. Pazza come Maicon, passionale come Stankovic, fedele come Zanetti. Nel tempo libero ama il cinema, ma soprattutto scrivere.