Zanetti: “Icardi mi ricorda Higuain. Sull’Europa League…”

Articolo di
29 aprile 2015, 18:23
zanetti

Durante la presentazione del padiglione argentino per Expo 2015 Javier Zanetti ha parlato di Mauro Icardi, dalla rincorsa nerazzurra verso la prossima Europa League e del ritiro della sua maglia numero 4. Queste le parole del vice presidente dell’Inter riportate dalla “Gazzetta dello Sport”:

ICARDI – Zanetti, durante la presentazione del padiglione argentino che si è tenuta all’interno del suo ristorante argentino ha voluto confrontare Mauro Icardi con un altro attaccante argentino ovvero Gonzalo Higuain. Ecco le sue parole: «È molto giovane e può migliorare tantissimo, ma quello che sta dimostrando è una cosa importante per noi e per la sua crescita. Siamo in presenza di un attaccante che sotto porta difficilmente sbaglia, sembra Higuain in quel senso, però ha caratteristiche tutte sue. Su di lui si può puntare per i grandi traguardi per l’Inter e per l’Argentina».

EUROPA LEAGUE – Con tre vittorie nelle ultime quattro partite, l’Inter di Roberto Mancini è tornata prepotentemente in corsa per la qualificazione alla prossima Europa League. Zanetti ci crede: «Ieri è stata una partita importante, anche se sofferta alla fine. Credo che i tre punti siano fondamentali. La partita contro il Parma era stata per noi un esame di coscienza. Sapevamo tutti quanti, anche noi dirigenti, che qualcosa in più dovevamo fare. In queste partite si stanno vedendo dei miglioramenti. Non so se basterà perché ci sono tante squadre davanti, però credo che noi come società abbiamo l’obbligo di provarci».

NUMERO 4 – Pochi giorni fa il Presidente Thohir ha ritirato la maglia numero 4. Zanetti non ha trattenuto la sua felicità: «Mi ha colto di sorpresa e mi ha fatto enorme piacere. Sono orgoglioso di tanto affetto che mi dimostra la famiglia interista e spero di continuare a rendermi utile adesso che faccio un altro ruolo».

FUTURO DELL’INTER – Questa stagione dell’Inter non sarà ricordata per gli ottimi risultati sportivi, ma Zanetti è ottimista sul futuro nerazzurro: «La cosa più importante è che questa squadra sta crescendo. Di sicuro se in futuro arriveranno rinforzi sarà un bene per tutti, però già avere una base che ti permetta di crescere è fondamentale per il futuro».