Vulpis: “Triplete catacomba Inter! Suning, non è un hotel che…”

Articolo di
16 settembre 2016, 00:39
Marcel Vulpis

Marcel Vulpis – Direttore di “Sport Economy” – durante la diretta di “Calcio € Mercato” su Sportitalia fa il punto sull’inizio dei problemi dell’Inter, che non vanno ricercati nell’estate 2016, bensì in quella 2010

HOTEL INTER – Il pensiero di Marcel Vulpis va oltre i problemi tecno-tattici visti in campo: «Il problema dell’Inter è la stabilità aziendale, oltre alla progettualità: ancora non si vede nulla di ciò. I cinesi sono entrati su Milano sfruttando anche l’Expo in altri settori, ma un conto è comprare un grande albergo e ristrutturarlo, un altro conto è una squadra di calcio. Le gambe di un calciatore non sono paragonabili a un lenzuolo di un letto da cambiare. Anche su Erick Thohir due anni fa si diceva che avesse un grande progetto sportivo, invece il suo è solo un progetto finanziario».

UN LUSTRO DI PROBLEMI – «Dal 2010 il Triplete dell’Inter è stata la catacomba di questa società: da quel momento è successo di tutto, qualcuno si faccia un esame di coscienza. Sia chi c’era all’epoca sia chi c’è ora, visto che sono cambiati tre presidenti nel frattempo. Serve una parte tecnica competitiva oltre a quella finanziaria: non è Piero Ausilio a pagare il gruppo Suning, ma viceversa…».

Facebooktwittergoogle_plusmail
The following two tabs change content below.
Andrea Turano
Nato nell’era Bagnoli, ma svezzato da Simoni, vive la sua vita in nero e azzurro. Parla di Inter ventiquattro ore al giorno, nel tempo libero si limita a scrivere, sempre di Inter. Sogna di lasciare un ricordo indelebile nella storia della Beneamata, come Arnautovic. E’ un tifoso sfegatato come tanti, ma obiettivo come pochi.