Vulpis: “Inter, garanzie all’UEFA. Suning ristruttura il debito”

Articolo di
27 agosto 2016, 01:18
Marcel Vulpis

Il giornalista Marcel Vulpis, direttore del sito “Sporteconomy.it”, è intervenuto in collegamento da Roma nel corso della puntata di stasera di “Speciale Calciomercato”. Al programma di Sportitalia ha analizzato la situazione finanziaria dell’Inter e, dopo essersi complimentato con Suning per la donazione alle popolazioni colpite dal terremoto, fatto il punto su come Suning si confronterà con l’UEFA per il fair play finanziario.

BILANCIO MENO PESANTE«I conti in tasca all’Inter? Io farei più i conti in tasca a Suning. Mi pare che Suning sia partito col piede giusto, partendo più da un’operazione di responsabilità sociale, perché è la prima proprietà italiana, anche se cinese, che decide di mettere una cifra secca per i terremotati di Amatrice, intorno ai duecentomila euro, mentre altri daranno i ricavati di partite prossime o anche presenti. Questo fa capire che comunque Suning è un gruppo che ha una discreta liquidità e credo che farà sicuramente una ristrutturazione importante del debito, dopo l’uscita di Erick Thohir, e presenterà un piano importante anche all’UEFA, altrimenti le operazioni sinceramente sarebbero un po’ sul filo del rasoio se non ci fosse un gruppo imprenditoriale importante. Io mi aspetto, al di là di dove andranno a finire i costi di queste operazioni secondo me spalmate molto sia come pagamenti sia come inserimento a bilancio possibilmente lontano, garanzie e tranquillità all’UEFA, una volta che questo sarà fatto le operazioni che loro stanno portando avanti in questo momento, che potrebbero sembrare sul filo del rasoio, quasi sicuramente dopo il piano industriale appariranno più plausibili di quello che sembra oggi».