Villa: “Inter da riavvicinare all’origine. Handanović interessa”

Articolo di
17 marzo 2018, 00:37
Thomas Villa

Thomas Villa si è prodotto in una lunga critica della situazione dell’Inter, evidenziando difficoltà da parte di Suning e la necessità di tornare a una proprietà italiana, preferibilmente milanese. Il giornalista di Rai Sport, intervenuto in collegamento da Milano per “Calcio & Mercato”, ha dato anche in partenza alcuni calciatori fra cui Samir Handanović, nel caso in cui venisse mancata la qualificazione alla prossima Champions League.

RISCHIO SMANTELLAMENTO«Io credo che la situazione dell’Inter sia strettamente legata alla qualificazione alla prossima Champions League. Tutto ciò che riguarda i grandi giocatori nerazzurri dipende molto dall’esito di questo campionato, ed è per questo che si faceva fatica a capire la strategia invernale di Suning, che non ha di fatto rinforzato la squadra adeguatamente. Se l’Inter rimarrà fuori dalla Champions League giocatori importanti come Mauro Icardi, Ivan Perišić e Samir Handanović difficilmente sceglieranno di restare qua, io credo, perciò forse è ancora prematuro parlarne però Handanović è un giocatore che può interessare a molte squadre europee di grande livello, i prossimi mesi saranno decisivi per questi giocatori».

PROPRIETÀ LONTANA«Gli svincolati? Sono nomi interessanti, sicuramente, dal mio punto di vista però serve un progetto tecnico, tattico, societario e organizzativo che in questo momento non è stato definito nei dettagli, e questo pesa moltissimo. Non basta comprare grandi giocatori, e l’Inter ne ha presi anche ultimamente, poi se ne sono andati via senza lasciare tracce. Sicuramente Stefan de Vrij è un giocatore che sembra essere molto vicino all’Inter, così come Kwadwo Asamoah e anche Lautaro Martínez, però quello che manca all’Inter è lo spirito che ha caratterizzato gli anni delle vittorie, con un presidente come Massimo Moratti e precednetemente altri presidenti italiani e milanesi, manca la conoscenza specifica anche del territorio o dell’anima di questa squadra e di questa società, che ha qualcosa davvero di particolare. Secondo me bisogna ripartire da lì, riportare delle figure importanti in società, vicino agli allenatori che si susseguono sulla panchina nerazzurra, e trovare questa quadratura che non c’è. Io credo che sia molto più profondo il lavoro che debba essere fatto all’Inter, che debba essere riavvicinata di più alla sua origine territoriale milanese con qualcuno che sia vicino».







ALTRE NOTIZIE