Vertice de Boer-dirigenti Inter: mai più difesa a 3 – TS

Articolo di
23 agosto 2016, 11:27
Zanetti de Boer

La sconfitta contro il Chievo può rappresentare per l’Inter un punto di partenza e per questo, ieri, i nerazzurri avrebbero compiuto un’analisi degli errori compiuti contro i gialloblù per evitare di ripeterli in futuro. Secondo “Tuttosport” Frank de Boer, dopo la consueta riunione tecnica con i giocatori, avrebbe incontrato i dirigenti per definire alcune questioni

VERTICE CON I DIRIGENTI – “Frank De Boer ha tenuto per un’ora a rapporto la squadra cercando di analizzare i perché della sconfitta di Verona; poi però i ruoli si sono invertiti: è infatti toccato al tecnico finire a rapporto dai dirigenti. Zanetti, Gardini e Ausilio hanno voluto capire perché, una volta ravvisato un problema di tenuta fisica da parte della squadra (frutto di una preparazione condizionata dai travagli manciniani), De Boer abbia deciso di cambiare sistema di gioco.”

DIFESA A 3 O A 4 – “Perplessità che ieri serpeggiava anche nello spogliatoio, considerato che quella situazione tattica era stata provata ben poco nella marcia di avvicinamento verso la gara con il Chievo, come peraltro dimostra l’assenza di idee da parte dei giocatori in campo. I dirigenti hanno ascoltato le ragioni di De Boer e hanno analizzato a fondo quanto accaduto, dopo di che hanno provveduto a dare un input all’allenatore: mai più la difesa a tre.  L’Inter è stata costruita per giocare con la linea a quattro (…) Già domenica con il Palermo – quando rientrerà Murillo al centro della difesa -si tornerà al sistema di gioco meglio conosciuto dai calciatori e più funzionale alle caratteristiche della squadra.”

CONDIZIONE FISICA – “Altro elemento di analisi l’opportunità di far ricorso a un cambio di sistema tanto radicale per ovviare alla condizione fisica non reputata idonea per mettere in pratica quel calcio tutto pressing e velocità che pretende l’olandese dalle sue squadre. Secondo i dirigenti, potevano essere altri gli accorgimenti attuati dal tecnico per far fronte al problema (che esiste e va risolto con un rabbocco di preparazione).”

Facebooktwittergoogle_plusmail