TS: Inter tra le grandi, il segreto della difesa è…

Articolo di
24 novembre 2015, 18:14
miranda murillo

Secondo alcuni dati riportati da “Tuttosport”, l’Inter a livello difensivo è già tra le grandi d’Europa, anche grazie al grande sacrificio degli attaccanti che aiutano la difesa.

INTER TRA LE GRANDI – Numeri alla mano, l’Inter sarebbe tra le grandi non solo in Serie A, ma anche negli altri quattro principali campionati europei (Premier League, Liga, Bundesliga, Ligue 1). La difesa è la chiave di questa grandezza, infatti a oggi solo due squadre hanno subito meno gol dell’Inter: il Bayern Monaco (5 gol subiti) e l’Atletico Madrid (6 gol subiti). Questi numeri fanno capire come l’Inter, almeno a livello difensivo, possa essere già all’altezza delle grandi di Champions. Non è un caso che Mancini abbia scelto come modello proprio la squadra di Simeone che ha ottenuto ottimi risultati grazie a un calcio molto fisico, intenso e lento anche se non bello. Con buona pace dei critici.

DIFESA IMPENETRABILE – Con il 4-0 al Frosinone l’Inter ha ottenuto quattro vittorie di fila senza subire gol, un record che non avveniva dal 2009 con l’Inter di Mourinho. Ma la solidità difensiva nerazzurra non è solo merito dei due centrali o dei frangiflutti a centrocampo (come Medel e Felipe Melo), ma anche del grande sacrificio degli attaccanti. I dati della partita contro il Frosinone sono esemplari: i tre giocatori che più hanno corso sono infatti Biabiany (10 km e 670 metri), Ljajic (10 km e 679 metri) e Jovetic (10 km e 66 metri). Questi dati non solo confutano la poca voglia dei due attaccanti slavi, ma confermano anche come gli attaccanti diano una mano in fase difensiva e cerchino di tenere compatte le linee della squadra.

POCHI GOL – Se è vero che l’Inter subisce pochissimo, è anche vero che i gol segnati non sono moltissimi. Uno dei motivi principali è appunto il grande lavoro fatto dalla squadra per restare compatta e una volta in zona gol è difficile per gli attaccanti restare lucidi. La fortuna dell’Inter però è quella di avere moltissimi giocatori in grado di segnare dal momento che sono andati in gol fino ad ora ben undici giocatori diversi partendo da Icardi (capocannoniere con 4 gol) e Jovetic, finendo con Murillo, Felipe Melo e Brozovic.