Tronchetti Provera:”Bene Pioli, ma serve continuità”

Articolo di
30 novembre 2016, 10:48
Tronchetti Provera

Il “Corriere dello Sport” riporta le parole di Marco Tronchetti Provera. Alla presentazione del calendario Pirelli l’ex azionista nerazzurro ha parlato anche di Inter, della situazione della squadra.

SERVE CONTINUITA’ – Tronchetti Provera da Parigi ha commentato la vittoria contro la Fiorentina: «Credo, come credevo anche prima, che l’Inter abbia dei grandi giocatori e che debba solo trovare un po’ più di sicurezza e continuità. Nel corso della stagione e della singola partita. Avete visto quanto è stato diverso il secondo tempo rispetto al primo contro la Fiorentina? La stagione si può ancora raddrizzare, ma è necessario che i calciatori si impegnino per novanta minuti e non per quarantacinque come lunedì. Nel calcio e nella vita se c’è la fiducia si rende molto di più. L’Inter deve riacquistare fiducia nei suoi mezzi e deve dare continuità al suo cammino».

DIRIGENZA VICINA – «La Juve con lo stadio di proprietà ha fatto un gran balzo in avanti rispetto alle altre e in più ha scelto bene i giocatori su cui puntare. Per noi però il modello non può che essere l’Inter e ci auguriamo che la nostra società torni ad avere una dirigenza vicina alla squadra come mi pare stia avvenendo. Il fatto che Steven Zhang abbia preso casa a Milano mi sembra un passo in avanti e scelte come questa possono essere passaggi chiave per una società che ha bisogno di certezze. E’ importante che l’allenatore e i giocatori sentano vicina, anche fisicamente, la proprietà».

NUOVO TECNICO – «Puntare su Pioli è stata la scelta giusta? Credo proprio di sì perché è un allenatore esperto e conosce il calcio italiano. Farà bene».

PROBLEMA IN DIFESA – «Icardi sta rendendo molto, ma tutto l’attacco sta andando molto bene e anche il centrocampo mi sembra forte. Va invece messa a posto la difesa».

 

Facebooktwittergoogle_plusmail
The following two tabs change content below.
Giulio Di Cienzo

Giulio Di Cienzo

Giulio Di Cienzo, nasce a Milano e si costruisce negli anni una passione per il calcio equamente divisa tra razionalità e passione. La parte più calda sta in Sudamerica, l’unico tifo è per l’inter.