Tramezzani: “Bravo de Boer al 74’! Inter, senza Joao Mario…”

Articolo di
26 settembre 2016, 00:41
Tramezzani

Paolo Tramezzani – ex difensore dell’Inter e attuale allenatore in seconda dell’Albania – durante la diretta della “Domenica Sportiva” su Rai 2 analizza l’1-1 di Inter-Bologna soffermandosi sulla pesante assenza di Joao Mario in mezzo al campo e sull’ultima sostituzione di de Boer

JOAO MARIO IMPRESCINDIBILE – Anche Paolo Tramezzani concorda con chi ha trovato nell’assenza del centrocampista portoghese il vero problema dell’ultima prestazione nerazzurra: «Senza Joao Mario nel triangolo di costruzione dell’Inter mancava la qualità e la doppia fase: Joao Mario va sempre in appoggio, dialoga nello stretta e cerca l’uno contro uno. Contro il Bologna si è sentita la sua mancanza».

CAMBIO LOGICO – «Conoscendo l’idea di Frank de Boer, il cambio (al 74′, ndr) tra Antonio Candreva e Gabriel “Gabigol” Barbosa ci stava perché l’Inter a fatica poteva arrivare sul fondo, quindi è un cambio azzeccato per permettere alla squadra di essere più pericolosa a ridosso dell’area di rigore. A livello tattico l’Inter ha giocato con il baricentro alto, facendo la pressione ultra-offensiva chiesta da de Boer e aggredendo gli avversari nella propria metà campo. Il gioco sulle fasce è più semplice con due grandi interpreti come Candreva e Ivan Perisic».

Facebooktwittergoogle_plusmail
The following two tabs change content below.
Andrea Turano
Nato nell’era Bagnoli, ma svezzato da Simoni, vive la sua vita in nero e azzurro. Parla di Inter ventiquattro ore al giorno, nel tempo libero si limita a scrivere, sempre di Inter. Sogna di lasciare un ricordo indelebile nella storia della Beneamata, come Arnautovic. E’ un tifoso sfegatato come tanti, ma obiettivo come pochi.