Toldo: “Il ritiro? Avrei potuto continuare ma dopo la CL vinta…”

Articolo di
14 settembre 2016, 13:56
Toldo

L’ex portiere dell’Inter Francesco Toldo ha concesso una lunga intervista al sito “Vita.it” durante la quale si è soffermato sui progetti portati avanti in questi anni con il club nerazzurro e sulle ragioni che lo portarono a ritirarsi al termine dello storico Triplete.

IL RITIRO – «Comincerei col dire che non ho mai perso la passione, ma quando il peso della responsabilità è diventato troppo alto perché offuscava la mia libertà di gioco mi sono ritirato, anche se forse era presto per la mia età. Nel 2010 vinta la Coppa dei Campioni decisi di smettere, come mi ero ripromesso di fare se avessimo vinto. Avevo un altro anno di contratto, ma avevo deciso».

INTER CAMPUS – «Il presidente dell’Inter mi chiese cosa avevo voglia di fare all’interno della società. Non volevo fare l’allenatore, ero stanco di ritiri e trasferte, chiesi di occuparmi della parte sociale. L’esperienza dell’Inter Campus è durata due anni. Attraverso il gioco educhiamo i bambini disagiati in tutto il mondo cercando di distrarli dai problemi che hanno (abbandono, problemi politici, microdelinquenza). Sono 30 progetti in paesi diversi, 10000 bambini. Si lavora con le loro Fondazioni locali. Ci sono allenatori che viaggiano per il mondo, tramite loro il calcio diventa uno strumento per educare, per far scoprire nuove passioni. Sono stato felicissimo di questa esperienza, ho visitato tanti posti dove il calcio rimane uno sport».

INTER FOREVER – «Tre anni fa ho creato il progetto Inter ForEver legato agli ex giocatori, che aiuta a mantenerli agganciati all’Inter facendoli sentire valorizzati e considerati anche alla fine della loro carriera. Sono molto orgoglioso di questo. Vengono coinvolti tutti quelli che hanno giocato nell’Inter, non solo le leggende. Li portiamo allo stadio, li coinvolgiamo con i club locali, mandiamo loro gli auguri di compleanno… Abbiamo fatto anche delle partite di calcio in Europa e in Cina dando l’incasso in beneficenza. Tanti si chiedono cosa fanno gli ex giocatori, ma poi se ne disinteressano. Ricordo la partita di addio di Recoba, commuovente, tutto lo stadio urlava il suo nome per ore. Gli ex giocatori devono riciclarsi a 35 anni, se sbagli il primo investimento sei fuori. Non tutti hanno questa capacità, ti abitui ad uno stile di vita che devi cambiare, è un problema».

Facebooktwittergoogle_plusmail
The following two tabs change content below.
Riccardo Melis

Riccardo Melis

Riccardo Melis (Cagliari, 1990), studente universitario quasi laureato (si spera) in Scienze della Comunicazione; adora leggere, parlare e sopratutto scrivere di calcio e cinema. Tifoso dell’Inter da quando aveva otto anni, ha superato brillantemente i suoi primi anni di tifo, più neri che azzurri, senza che la sua fede verso questi colori fosse scalfita di una virgola.