Thohir: “L’Inter ha bisogno dei suoi tifosi e per questo vorrei…”

Articolo di
27 luglio 2015, 17:54

Ai microfoni di Inter Channel il presidente Erick Thohir ha spiegato il suo rapporto con i tifosi nerazzurri, invitandoli a sostenere la squadra nella stagione che sta per iniziare

INTERISTI NEL MONDO – Erick Thohir, in Cina insieme alla squadra impegnata in una tournée amichevole, ha ribadito l’importanza del supporto degli appassionati, illustrando inoltre la crescita del marchio Inter nel mondo.
«Non sono sorpreso della passione che vedo per l’Inter. Anche io ero tifoso prima di diventare presidente.
Ci sono tanti tifosi in Asia, intorno ai 150 milioni. In Cina c’è stata una crescita incredibile, siamo diventati una delle squadra più seguite e questo ci mette in una situazione di forza. E’ importante costruire una rete globale, non solo in Cina, ma in tutto il mondo.»

IN ITALIA – Non dimentica però la base della tifoseria interista:
«La cosa più importante sono tifosi italiani: il cuore della squadra. Devono relazionarsi con i fan in tutto il mondo e per questo stiamo facendo crescere i social media. Vogliamo connetterci meglio con tutti gli appassionati, perché tutti siamo parte della famiglia Inter.
E’ un periodo di crescita: abbiamo fondamenta solide in Italia, ora dobbiamo sviluppare il brand nel mondo. Non mi riferisco solo al settore digitale e ai social media, ma anche il canale tematico: vogliamo dare maggiori contenuti ai tifosi.»

IN INDONESIA – Non può però mancare un accenno al suo paese natale:
«L’Indonesia è una opportunità. Vorremmo portare Inter Channel in Indonesia e vorremmo farlo entro questo anno. Bisogna capire cosa vogliano i tifosi dal canale, per essere a stretto contatto con la famiglia Inter.»

A SAN SIRO – Infine un appello a tutti i tifosi:
«Abbiamo costruito una squadra forte. Supportate Mancini e la squadra: fate di San Siro la nostra casa. Dobbiamo dare ai nostri giovani il tempo di crescere. I nostri giocatori sentono i tifosi, per questo vorrei che i tifosi diventassero il 12esimo uomo in campo.»