Tacchinardi: “Kondogbia sveglia, meglio Brozovic! J. Mario…”

Articolo di
26 settembre 2016, 23:01
Tacchinardi

Alessio Tacchinardi, ospite di “Premium Monday” in onda su Premium Sport, parla delle situazioni di Geoffrey Kondogbia e Marcelo Brozovic: secondo l’ex Juventus l’Inter fa bene a provare il recupero del croato, mentre il francese deve darsi una bella svegliata. Di seguito le sue dichiarazioni

GESTO CHE ANDAVA FATTO – «Kondogbia? Bocciatura pesante, ma de Boer ha fatto bene perché Kondogbia a volte è indolente e indisponente. Si può sbagliare in campo ma si può anche cercare di riparare. Quindi secondo me l’allenatore ha mandato un bel messaggio. C’è il rischio di affossarlo? Può essere ma secondo me Kondogbia ha bisogno di uno scossone per dimostrare che vale, mentalmente sembra fragile. È un gesto estremo che prima o poi andava fatto. Adesso Kondogbia o si dà svegliata oppure puoi perderlo. Questo Kondogbia all’Inter non serve».

BROZOVIC E JOAO MARIO – «Brozovic? Casi diversi. Kondogbia va a rallentatore, Brozovic ha problemi disciplinari ma è un grande centrocampista. Può alzare il livello della squadra e quindi l’Inter fa bene a provare a recuperarlo. Joao Mario? L’Inter non si può permettere di non far giocare Joao Mario. Ha dato velocità di gioco, il gol di Icardi a Empoli ne è l’esempio. Non è mai fermo, non dà punti di riferimento. Medel fa legna e lui si muove tantissimo, ha dato semplicità e qualità di gioco alla squadra. La differenza tra lui e Kondogbia è che il secondo rallenta il gioco mentre il portoghese è fondamentale per i gol di Icardi».

Facebooktwittergoogle_plusmail
The following two tabs change content below.
Viviana Campiti

Viviana Campiti

Nata e cresciuta in Calabria, dove si laurea in Scienze dell'Educazione. Amante del calcio in tutte le sue forme, dalla Terza Categoria alla Serie A. Interista per predisposizione naturale e onestà intellettuale. Pazza come Maicon, passionale come Stankovic, fedele come Zanetti. Nel tempo libero ama il cinema, ma soprattutto scrivere.