Sylvinho: “Inter, un sogno! Ecco chi mi ha sorpreso. Mancini…”

Articolo di
24 marzo 2016, 18:51
Sylvinho

L’ospite di “InterNos” – programma in onda su Inter Channel – è Sylvinho. Il collaboratore tecnico di mister Mancini risponde alle domande dei tifosi e racconta come sta vivendo la sua esperienza all’Inter. Di seguito un’anticipazione dell’intervista, riportata dal sito ufficiale della società

SOGNI E CURIOSITÀ – «Il mio antico sogno di giocare in Italia non si è realizzato, ma almeno come allenatore ora sono qui. Io ho chiuso la carriera al City e uno degli ultimi giorni Mancini mi chiede cosa avessi intenzione di fare l’anno successivo. Forse non era il momento, o non avevo la testa giusta per farlo, ma rifiutai di rimanere a fare da assistente, ringraziandolo tantissimo per aver pensato a me. Poi sono andato al Corinthians e Roberto mi ha richiamato: a quel punto ho capito che era il momento giusto, ho preso l’aereo e sono arrivato a Milano».

IL CAMBIAMENTO DI MANCINI – «Quando passi dall’essere un giocatore ad allenatore, cambiano atteggiamento e pensieri. Ora poi ha esperienza internazionale, ha vinto la Premier che per un allenatore è il top, ha vinto la FA Cup, lo vedo molto più tranquillo anche nel lavoro quotidiano».

ESPERIENZA NERAZZURRA – «Mi trovo molto bene, ho un buon rapporto anche con la società, che è molto ben organizzata, e con Zanetti che è stato un grandissimo giocatore. Chi mi ha sorpreso di più? Io non conoscevo la giornata di allenamento di Icardi, un giocatore che segna tanto ed è molto giovane ma sta ancora imparando tante cose. Conoscevo già Rodrigo, un professore che si allena moltissimo e sa sempre dove andare in campo. Un altro molto forte è Brozovic, anche lui è molto giovane, ha solo 22 anni ed è fortissimo. In alcuni momenti sbaglia anche lui, come è giusto per un ragazzo molto giovane. Un giocatore che vorrei vedere all’Inter? Facile, uno che conosco: Messi! Lui si allena normalmente come tutti gli altri, ma è un genio, un talento, uno dei giocatori migliori di sempre».