Suning-Moratti, rivoluzione Inter! De Boer lancia JM – CorSera

Articolo di
10 settembre 2016, 23:23
Thohir Moratti Zhang

In attesa di Pescara-Inter e del debutto di Joao Mario in nerazzurro, c’è attenzione sulle vicende societarie che potrebbero portare ulteriori novità a breve: come riportato dalla versione online del “Corriere della Sera”, nei prossimi mesi arriverà un nuovo cambiamento ai vertici grazie a Suning… via Moratti

RIVOLUZIONE SUNING – “Il tempo è un concetto relativo. Non nel calcio dove gli allenatori lottano per dilatarlo e guadagnarne sempre un po’. E’ questa la battaglia di Frank de Boer, stretto da due impellenti necessità: vincere la prima partita e scacciare i dubbi legati al suo futuro. L’Inter deve ancora accendersi, il tecnico olandese sa di non avere più bonus. Esaurito da giorni, l’Adriatico non è il terreno più fertile per coltivare la crescita. Preso tra proverbi e digressioni sul passato nerazzurro, de Boer chiede pazienza. In realtà i motivi sono più d’uno a cominciare dalle trasformazioni societarie. Forse sarà un caso, ma la proprietà cinese inizia a farsi notare in modo più marcato: non solo con investimenti faraonici sul mercato, pure nei dettagli quotidiani, inserendo figure di Suning ad affiancare lo staff nerazzurro. Segnali di un cambiamento inarrestabile che porterà presto un nuovo amministratore delegato italiano nel club al posto dell’inglese Michael Bolingbroke, in scadenza a giugno e in uscita forse prima. Suning l’ha già individuato, grazie ai consigli di Massimo Moratti. La proprietà cinese per ora lascerà al suo posto il presidente Erick Thohir, almeno fino a giugno e non lo liquiderà finché l’indonesiano non avrà centrato i parametri finanziari pattuiti. L’erede designato alla presidenza potrebbe essere Javier Zanetti, in un ruolo però più di rappresentanza. La società si muove in fretta, ora però deve essere la squadra a mandare i segnali giusti”.

DE BOER SOTTO ESAME – “Contro il Pescara andrà in campo l’ultimo gioiello: il portoghese Joao Mario, l’uomo da 45 milioni. A lui DE Boer affiderà le chiavi del centrocampo. Sarà un esame per tutti: per i nuovi e per l’allenatore. Dopo neanche tre giornate pare un’assurda frenesia dover parlare di futuro incerto. L’olandese però è costretto a vincere se vuole avere il tempo di costruire qualcosa. Non lo aiuta però il fitto calendario, con sei partite in due settimane. Dopo Pescara ci sarà l’esordio in Europa League giovedì a San Siro contro gli israeliani dell’Hapoel Be’er Sheva e domenica arriverà la Juventus, lanciatissima e spietata. E torneranno anche i proprietari cinesi. I vertici di Suning chiedono risultati in campo e fuori. E se la squadra è sotto pressione, lo è pure la dirigenza. Sono in arrivo nuovi sponsor e Suning vorrà probabilmente chiarire la posizione del Direttore Sportivo Piero Ausilio e parlare di rinnovo. Una vittoria a Pescara è indispensabile per una settimana serena, altrimenti si parlerà solo di de Boer”.

Facebooktwittergoogle_plusmail