Suma: “Pioli scomodo, in Israele ha capito tutto. Inter fragile”

Articolo di
26 novembre 2016, 00:14
Mauro Suma

Nel suo editoriale per “TuttoMercatoWeb” il giornalista Mauro Suma analizza la sconfitta dell’Inter contro l’Hapoel Be’er Sheva in Europa League dal punto di vista di Stefano Pioli, che dopo il pareggio nel derby avrebbe capito in breve tempo le lacune della rosa e i suoi limiti. Nelle prossime settimane è difficile, secondo lui, un cambio di rotta.

PROBLEMA IRRISOLVIBILE – “Il terzo a volte è incomodo. In questi caso Stefano Pioli non lo è, è stato invocato, selezionato, ben accolto. Non è incomodo, ma certamente scomodo. Ha fatto un buon primo tempo contro il Milan, finendo per segnare dopo una rimessa laterale mezza e mezza e dopo un calcio d’angolo. Ha esultato ed è andato in Israele dove, forse, ha capito tutto. Non ci sono soluzioni rapide per l’Inter. Con quella difesa e con quella fragilità nella psiche e negli equilibri, l’Inter anti-Juve dichiarata da Massimo Moratti nella seconda quindicina d’agosto non c’è, non esiste. Tanti soldi spesi, tanti allenatori rescissi, tante proprietà che intervengono e dichiarano. Grande abbondanza all’Inter, ma non di difensori”.