Suma: “Kondogbia prima saltava, ora non ne può più dell’Inter”

Articolo di
12 agosto 2017, 00:44
Mauro Suma

Nel suo editoriale per “TuttoMercatoWeb” il giornalista Mauro Suma, oltre a provare a indovinare le mosse dell’Inter negli ultimi venti giorni di mercato, dedica ampio spazio alla vicenda riguardante Geoffrey Kondogbia. Il centrocampista francese ha saltato l’ultimo allenamento perché vuole andare via e non è stato convocato per l’amichevole contro il Real Betis: sembrano lontanissimi i tempi in cui i tifosi festeggiavano l’acquisto dell’ex Monaco fatto superando il Milan.

DERBY VINTO INUTILMENTE – “Di Geoffrey Kondogbia ad Appiano Gentile nessuna traccia. Due anni fa era meglio di Paul Pogba e saltava come un grillo, oggi non ne può più e marca visita. Quanti intrecci attorno a lui, Roberto Mancini aveva minacciato le dimissioni se l’Inter non lo avesse strappato al Milan nel più incredibile derby mediatico di mercato come quello del 20-21 giugno 2015 di Monte-Carlo. Ottimo protagonista di un Monaco-Juventus di Champions League, Kondogbia è oggi un atleta in cerca di se stesso, smarrito, disperso, fra la sostituzione-lampo di Frank de Boer e l’autogol virale contro il Chelsea. È l’emblema di quanto possa essere illusorio il mercato estivo. Chi lo acquista si dissangua, si diceva durante il triangolo Inter-Kondogbia-Milan di Monte-Carlo, alla fine chi ne è uscito con le ossa rotte è stato soprattutto il giocatore, vittima dell’insostenibile tristezza dei suoi ultimi anni di carriera a Milano”.

CHIUSURA DI MERCATO – “Il mercato dell’Inter è finalmente iniziato e la mancanza degli ossessivi confronti con quello del Milan ha rasserenato i suoi dirigenti. Da Dalbert Henrique a Emre Mor, i giocatori stanno arrivando. Dall’elenco mancano Radja Nainggolan, Arturo Vidal e Ángel Di María, perchè nelle grandi piazze un colpo serve sempre. Ma i tifosi interisti si sono convinti di essere da scudetto anche così. E così sia. Il colpo potrebbe essere Patrik Schick: un gol in maglia nerazzurra alla Juventus dopo la foto durante le visite mediche bianconere, potrebbe diventare un feticcio per gli interisti. A Torino lo hanno messo in preventivo?”