Suma: “Kondo virale, Radja resiste. Virata Inter su Keita?”

Articolo di
19 agosto 2017, 00:58
Mauro Suma

Mauro Suma – giornalista di “Milan TV” -, nel consueto editoriale per il portale “Tutto Mercato Web”, affronta l’argomento mercato sfruttando gli esempi negativi dei giocatori andati in contrasto con le proprie società per spingere verso la cessione, come Kondogbia, inoltre ipotizza un ultimo tentativo dell’Inter per Keita dopo l’affondo su Schick

KONDOGBIA E NAINGGOLAN – “Tre anni fa era l’estate dell’Ice Bucket Challenge. Nato per scherzo e diventato virale. Questa è invece l’estate dell’I go where I want. E’ altrettanto virale, anche se evidentemente non è un hashtag o qualcosa di definito. E’ la moda di prendere la propria strada senza temere le reazioni, le multe e le raccomandate del proprio club di appartenenza. Lo fa uno e poi lo fanno tutti. I casi social che diventano giurisprudenza. O più semplicemente, virali. L’acqua gelata in testa la prendono le società, a torto o a ragione. Sono tutti casi diversissimi fra loro. Geoffrey Kondogbia capisce con l’autogol virale, anche quello, che se non cambia strada la sua carriera agonistica rischia di finire su un binario morto. Hanno resistito a questa tentazione, due giocatori in particolare: il ‘Ninja’ Radja Nainggolan e il ‘Gallo’ Andrea Belotti. Il primo sembrava che scrutasse l’orizzonte sui social per scegliere la strada migliore per raggiungere Milano e che ha invece finito per rinnovare il contratto senza imitare il caso di Emerson di qualche anno fa, anzi di tredici anni fa, il famoso caso dell’esaurimento nervoso bianconero del brasiliano”.

KEITA E SCHICK – “In cuor suo Nikola Kalinic si è detto: sono partiti Josip Ilicic, Borja Valero, Matias Vecino e Federico Bernardeschi, perché devo rimanere solo io? La Fiorentina dal canto suo ha fatto valere, pur arrivando sostanzialmente all’accordo con il Milan nella serata di ieri, il proprio libero arbitrio nella conduzione della trattativa con il Milan e nella valutazione economica del proprio giocatore. E Keita Baldé? E’ davvero finita e fra un anno il contratto scade. Keita è abbastanza esasperato e la partita a scacchi continua. La Juventus dice che si ritira, ma è verità o tattica? Nel senso che ritira l’offerta estiva, ma si prepara a ricevere il giocatore bello gratis a gennaio? Se la Juventus avesse davvero accantonato la pista, a questo punto rientra nei giochi il Napoli con i suoi 25 milioni di euro proposti alla Lazio: ma con un presidente come Aurelio De Laurentiis, che in qualche tono e in alcuni modi ricorda proprio Claudio Lotito, riusciranno mai Roberto Calenda e Keita a trovare un accordo duraturo? O che possano essere una Inter da inversione a U rispetto a Patrik Schick o un Milan da ultimissime ore di mercato l’extrema ratio, la soluzione mozzafiato del rebus Keita?”.