Suma: “Da sempre il comune tratta meglio l’Inter del Milan”

Articolo di
15 ottobre 2016, 00:13
Mauro Suma

Per “TuttoMercatoWeb” Mauro Suma analizza la questione relativa allo stadio e lo fa con una vena polemica nei confronti del sindaco Giuseppe Sala, che giovedì ha rilasciato un’intervista al quotidiano “La Gazzetta dello Sport” mettendo il Milan in secondo piano. Per la voce del canale tematico rossonero dovrebbe esserci lo stesso trattamento per entrambe le squadre.

EQUITÀ – “Da sempre, storicamente, il comune di Milano ha un occhio di riguardo nei confronti dell’Inter rispetto al Milan: lo stadio Meazza, il piazzale dello stadio Angelo Moratti, il Famedio al fondatore rossonero Herbert Kilpin (il 22 ottobre il centenario della morte) ma a patto che ci sia anche il pittore che ha disegnato per primo (non quindi il fondatore effettivo a sua volta) lo stemma interista ovvero Giorgio Muggiani. Per cui quello che sta facendo il neo sindaco Giuseppe Sala, interista dichiarato ed è una passione calcistica legittima naturalmente, si colloca sulla stessa linea. Lui dice: «Io con Suning parlo e su San Siro hanno grandi progetti. Il Milan dovrebbe sbrigarsi, estremizziamo, perché sennò potremmo anche farne senza». Se così fosse, sarebbe come minimo un po’ sbrigativo. Il Milan è alle porte di un closing cruciale e dal momento che San Siro è stato costruito novant’anni fa dal presidente rossonero Piero Pirelli, un pizzico di pazienza in più non guasterebbe. Vero che il Milan ha lavorato per molti mesi al progetto di un nuovo stadio, ma alla fine Silvio Berlusconi ha scelto e voluto con grande slancio e affetto San Siro. Vero e meritorio che il sindaco Sala abbia parlato con l’alta dirigenza nerazzurra a margine del recente Inter-Juventus. Se per caso decidesse però, se per caso gli capitasse di andare almeno una volta a vedere anche una partita del Milan, forse potrebbe iniziare a confrontarsi anche con l’altra parte della città. Cogliendone la vocazione e conoscendone i tempi del cambiamento. Senza steccati di carattere politico che nel calcio non hanno ragion d’essere. Il sindaco Virginia Raggi a Roma è molto attenta a non perdere l’equilibrio fra l’una e l’altra squadra”.

Facebooktwittergoogle_plusmail
The following two tabs change content below.

Riccardo Spignesi

Studente (ancora per poco) all’Università Statale di Milano. Redattore anche per SpazioCalcio.it e BetClic, estremamente fissato con il calcio.